Alla Slog non far sapere, quando arrivano le cavigliere…

Visto che la mia odissea cavigliare vi sta prendendo più di una soap-opera, vi aggiorno:
Buongiorno,
sono Perennemente Sloggata e sabato 16 gennaio ho ordinato, presso la Vostra sede di Mari&Monti, 2 cavigliere (mi pare di misura M) azienda DITTA modello MODELLO.
Inizialmente mi è stato detto che sarebbero arrivate in una settimana, poi mi è stato detto un paio di volte che non si sapeva quando sarebbero arrivate (o il martedì o giovedì successivo alla mia chiamata / al mio passaggio in negozio), che c’erano problemi con gli ordini; infine giovedì scorso che non erano state reperite le cavigliere ma che erano finalmente e probabilmente in arrivo ieri. Sarei stata contattata all’arrivo delle cavigliere ma tutt’ora non ho informazioni in merito. Ho provato a contattare il numero XXX.YYYYYY ma casca subito la linea.
Ora, sono passate più di 3 settimane ed io tuttora non ho informazioni sulle cavigliere. Non sono farmaci salvavita ma ho necessità di averle, per cui Vi chiedo se esistono, se arriveranno in tempi utili, se devo rivolgermi a qualche altro negozio, se devo cercarmele su internet, se devo chiedere all’ortopedico un’alternativa…
Sarei grata di poter avere una informazione sicura.
Ringrazio e porgo i miei saluti,
Perennemente Sloggata
t. 123.1234567
Bene, questa è stata la mail che ho mandato alla sede principale del negozio di sanitaria, in altra città della Regione.
Tempo un’ora, anzi 57 minuti, e mi chiama una gentilissima signora dall’altra città.
Sostanzialmente questa DITTA sta aspettando a sua volta la produzione di queste cavigliere e quindi prima dei primi di marzo (!!) non se ne parla. Ma la stessa DITTA suggerisce MODELLO BIS che è simile all’altro ma più traspirante e più facilmente reperibile (davvero 2-3 gg). Se desidero, me lo fanno avere nel negozio di Mari&Monti da provare al piede.
Al che, pongo varie domande e dico che mi rifarò viva ma dovrò parlarne con l’ortopedico.

Fanno piacere #1

Chiacchieravo con un collega, parlando dell’avventura con Azzurra e mi ha colpita per il suo attestato di stima. Sarà che mia madre si faceva viaggi notturni anche sotto la neve, in caso di corsi o necessità, e quindi sono più o meno vaccinata a certe cose, però in effetti forse forse un “pat-pat” sulla spalla me lo posso fare.
Seguendo il ragionamento del collega, posso riassumere così:

  • non guido quasi mai (non perché non mi piaccia, anzi! Ma senza un mezzo…)
  • l’ultima volta che ho guidato io per un viaggio “lungo”, è stato a maggio, facendo un giorno Supeimonti – PerlaTermale (86 km circa ) e un altro Supeimonti – Mari&Monti (280 km circa, di cui metà montani) con auto non mia
  • le poche volte che guidavo, erano auto non mie e che conosco poco (tranne l’auto di mamma)
  • ho preso in mano un’auto per me completamente nuova, collaudata in montagna, e l’ho trascinata in autostrada.
  • ho preso un’auto “nuova”, l’ho guidata sopra la neve mentre ancora nevicava, ho fatto un passo dolomitico sotto la neve
  • ho fatto sotto la pioggia l’autostrada
  • ho cercato pure parcheggio.

A me non pare chissà cosa, eccezion fatta per la neve, se vogliamo, però… comunque, brava!

Ballar la samba con 4 ruote a 2000 m s.l.m.

Sabato sono tornata a Supeimonti per l’ultima volta (si spera) in treno, per recuperare la Slog-Mobile (AZZURRA!! Cioè, azzura verdognola, boh).

Allora. OVVIAMENTE ieri nevicava.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Salendo verso il Passo (un po’ più di 1900 metri sul livello del mare), la strada risultava ancora pulita: la neve non aveva ancora attaccato ma scendendo dal Passo in giù, la neve era già depositata, gli spazzaneve non erano ancora in funzione (credo stessero salendo dalla parte opposta). Per cui mi sono “divertita” a ballare la samba con la Slog-Mobile a passo d’uomo.
Arrivata ai piedi delle montagne, ho recuperato un paio di ragazzi di Blablacar e abbiamo imboccato l’autostrada sotto la pioggi. La variabile era da più a meno battente fino a Mari&Monti.

Ma tutto questo non mi ha scomposta molto. Quello che mi ha mandata fuori dalle grazie di Nostro Signore, ovviamente, è stata la ricerca del parcheggio: mi ero calcolata tempistiche e tutto per trovare un posto vicino a casa. E invece non ho fatto i conti col meteo, e infatti di posti… Diciamo che dopo un lungo peregrinare, l’ho lasciato con tanta devozione alla Chiesa vicina, di fronte, su un incrocio piccolo, in maniera fantasiosamente regolare (ho aspettato che transitassero delle auto, per vedere il livello di ingombro). Mettiamola così.
Ovviamente, tra la novità, tra la sensazione di samba, il nervoso da parcheggio, stanotte ho dormito poco e male, ma alle 7.31 ero fuori casa, pronta al piano d’attacco:

  • lagggente va al lavoro in auto: troverò un posto sotto casa. Tanto più che PIOVE. Non possono non andare senza auto;
  • se non trovo posto, vado al lavoro in auto, lì sicuro trovo parcheggio e… lascio Azzurra lì fino a venerdì.

Uscita dal portone, noto che la Smart non c’è più e quindi posso infilarmi (se nessuno mi ruba il posto prima) al suo posto, a spina di pesce (yesssss!!).
Sgambetto verso l’incrocio dietro i caseggiati, non c’è nessuno in giro, retro fantasiosa ed imbocco la via che mi porta subito a quella di casa. E’ FATTA!!

Preso il bus e arrivata al lavoro.

Marò, che ansia! Ancora sto cercando di smaltirla.

Paura del terrore. Caviglie ma peur.

Per le caviglie / i piedi prendo un integratore per 2 mesi, 1 di stop, 2 mesi, 1 di stop e così via. non ho ancora finito la prima settimana di stop e ricomincio a sentire tirare e far male entrambe le caviglie. Di peggio c’è solo il cambio del tempo per il quale, pastiglie o meno, mi fa talmente male che fatico a camminare. Al di là del dolore, col quale ci convivo senza tante storie, mi spaventa la sensazione di terrore “oddio, e se ora mi cedono? È solo una sensazione o mi stanno cedendo?”. Spero che mano a mano che proseguo con la terapia, vada meglio. L’ortopedico diceva che se dopo un anno le risonanze magnetiche mostrano una situazione stabile, devo esser contenta di prendere ‘sti integratori ad interim.
È tutto normale, vero?

(Mi ricorda un post che penso di aver scritto un anno e mezzo fa, dopo la doppia carambola di caviglie, in cui dicevo scocciata che scendevo le scale attaccata allo scorrimano e guai a farmi spostare.)

Intanto son 3 settimane che ho ordinato le cavigliere alla più grossa sanitaria della città e forse sanno che fine ha fatto l’ordine: dovrebbe arrivare martedì.

TAG: WOULD YOU RATHER? -COSA PREFERIRESTI?

Per pigrizia, sfrutto la foto de La Dama con il Cappello del blog Racconti dal Passato visto che il tag non ne aveva uno proprio, rispondo alla nomination di Franci di Trucco senza inganno e provo a fare questo tag.

Io vorrei sapere chi se l’è inventato, perché sono davvero domande assurde.

Le regole per partecipare sono sempre uguali ovvero ringraziare chi ci ha taggati, rispondere alle domande e taggare a nostra volta. Io taggo tutti senza obbligar nessuno… (vigliacchina…)

Passiamo alle domande:

✻ Preferiresti perdere tutti i tuoi mascara, eyeliner, rossetti e lucidalabbra oppure tutte le palette e gli ombretti?

Non toccatemi i mascara, per il resto fate quel che vi pare!

✻ Preferiresti rasarti i capelli o non poterli tagliare mai più?

Non so. Rasarmi i capelli significa che poi possono ricrescere… Non poterli tagliare mai più… sarebbe piuttosto curioso: mi crescono velocemente!

✻ Preferiresti avere delle guance color corallo o rosa?

Malva mi è concesso? Se no, corallo.

✻ Se avessi 1000$ da spendere li useresti per i vestiti o per il make up?

Vestiti, credo.

✻ Preferiresti usare il rossetto come eyeliner o l’eyeliner come rossetto?

Odio l’eyeliner, a me basta un pennellino sottile, un ombretto e qualche goccia d’acqua. Ma l’idea di usare il rossetto come eyeliner… è perversa! Preferisco usare l’eyeliner come rossetto, piuttosto.

✻ Preferiresti comprare solo da Mac o solo da Sephora?

Non esiste altra profumeria al di fuori di Sephora. Mac non l’ho mai provata ma è solo make-up, mentre Sephora ti sistema dalla radice dei capelli alla punta dei piedi.

✻ Preferiresti utilizzare per il resto della tua vita un solo colore di ombretto o un solo rossetto?

Rossetto. Ho dei begli occhi e penso che potrei valorizzarli meglio con più colori, anche se a me bastano pochi colori (uso solo 2 palette, di fatto).

✻ Preferiresti indossare vestiti invernali d’estate o vestiti estivi d’inverno?

Ma che domanda è?? La mia risposta è easy: vestiti estivi d’inverno per un solo e semplice motivo. Io vesto a strati.

✻ Preferiresti avere per tutto l’anno unghie scure o unghie brillanti?

Brillanti, delle belle mani sono facilmente valorizzabili anche con colori chiari e si abbinano bene a tutto.

✻ Preferiresti rinunciare al tuo prodotto per labbra preferito o al tuo prodotto occhi preferito?

Al prodotto labbra, of course

✻ Preferiresti essere in grado di legare i capelli solamente con una coda o con un chignon scompigliato?

Mmm… diciamo chignon scompigliato.

✻ Preferiresti non essere in grado di metterti più lo smalto o non usare mai più un lipgloss?

Lo smalto. Non ne vado pazza e mi sfalda le unghie già di per sé particolari.

✻ Preferiresti rasare del tutto le tue sopracciglia o doverle disegnare con un pennarello tutti i giorni?

Mi rifiuto di rispondere ad una domanda simile.

✻ Preferiresti vivere senza make up o senza smalto?

Senza smalto sempre e comunque.

Ma tu guarda… Io faccio gran complimentoni a Francesca e lei mi tagga in un post simile… Ahahahah

Forza, a voi!