I baci si rubano, non si chiedono.

Ormai è raro che parli di cose molto personali, nel blog. Tuttavia vorrei condividere una mia recente esperienza e vorrei avere una vostra opinione.
Su Facebook mi trovo, dal nulla, una richiesta di amicizia di un ragazzo con cui ho solo un’amicizia in comune: uno dei gelatai più famosi di Mari&Monti, ergo è facile desumere che questo gelataio non conosca né me né l’altro ragazzo. Lascio la richiesta lì per qualche giorno, poi decido di non cancellare e scrivere direttamente al ragazzo. Alla fine risulta simpatico e ci esco, decidiamo di rivederci. E’ una persona carina, propositiva, simpatica, comunicativa ed esplicita.
Io, per motivi vari, sono un po’ nervosa e ahimé tratto di conseguenza. Anche per il fatto di non essere sicura, di sentirmi pressione addosso, richieste continue di feedback che, dopo poco tempo, mi pare presto. Di mio sembro un po’ freddina perché ho bisogno di tempo per lasciarmi andare e soprattutto se una persona mi fa dei complimenti, nella migliore delle ipotesi ringrazio abbassando lo sguardo imbarazzata. Ho provato a sforzarmi e a rispondere, mi pareva anche giusto.
Ma. Ma se dico, chiedo, cerco di far capire un solo ed unico concetto, ed esso non viene rispettato, inizio ad inalberarmi. Il punto è che sono timida in queste cose. Sono un pochino tra il leggermente diffidente e il facilmente imbarazzabile. Dichiaro sempre esplicitamente la mia difficoltà, il mio apparire fredda, quando in realtà non lo sono. O, almeno, così mi dicono varie persone che mi conoscono. E la risposta comune è spesso “i tuoi occhi parlano”. Chiedo tempo e spazio. Segnalo di sentirmi in forte difficoltà e messa al muro. Non funziona così.
E infine mi vengono chieste cose per cui si stava creando il momento, andava sfruttato serenamente, non richiesto. E lì basta. No. Mi sono tirata definitivamente indietro. Se un uomo (o donna, sia chiaro), perché a 30 anni e oltre siamo uomo e donna, anzi. Ricomincio. Trovo prezioso il fatto che una persona sia schietta e che ti faccia complimenti anche se non esplicitamente, che te li faccia diretti, che sia affettuosa e attenta. Tuttavia se quella stessa persona si aspetta sempre feedback più o meno immediati e non sa gestire la sua stessa delusione, c’è un problema di insicurezza che appare profonda, se di fronte alla richiesta di tregua, non capisce.
Mi è dispiaciuto, ho reagito male ma ci sono rimasta di sale.
Tutto questo per dire che ho bisogno dei miei tempi, non sono lunghi, ma non posso essere messa al muro quando sono schietta, a volte fin troppo. Ma soprattutto:

I baci si rubano, non si chiedono.

24 pensieri su “I baci si rubano, non si chiedono.

  1. liberamente80 ha detto:

    Urca.

    Io come te sono piuttosto timida.
    La paura delle delusioni mi ha sempre frenato molto.
    Dall’altea parte ho sempre trovato ragazzi che mi lasciavano spazio e tempo ma nello stesso tempo erano presenti e continuavano a manifestare il loro interesse.
    Un giusto equilibrio.
    Da uno troppo ehm… intraprendente sono scappata via. Mi sentivo al muro e soffocata, no grazie ognuno per la sua strada.

    Poi è cresciuta la sicurezza di me e pian piano ho imparato a gestire anche queste faccende.

    Cmq, puoi chiamarlo e riprovare?
    Lui ti ha fatto scattare la scintilla?

  2. Perennemente Sloggata ha detto:

    Diciamo che lui mi ha un po’ alzato l’autostima ma se già di mio avevo qualche dubbio, con l’ultima richiesta mi sono ritratta del tutto. Certe cose (leggimi tra le righe) non le chiedi poco prima di vedersi. Stimoli il momento che si sta creando.
    Ho provato a rispiegare la mia posizione, dopo che mi ha bloccata e sbloccata, ma non ha mai risposto. E allora resti pure nel suo brodo, mi ha agevolato le cose.

  3. Puffola Pigmea ha detto:

    ‘spetta Slog, mica sono sicura di aver capito.
    Sei uscita con uno che ti piaceva ma lui era troppo insistente, e alla fine ti ha chiesto di baciarti invece che baciarti e basta, e a te a dato noia? Più o meno così??

    beh la prima cosa che mi viene in mente è che magari è timido anche lui e così facendo ha provato a non forzarti la mano. si, magari è un po’ insicuro e ha voluto andarci coi piedi di piombo.
    Io considererei anche il fatto che per chiedere una cosa così ci vuole una bella dose di coraggio e magari se lo era preparato da un po’, il suo pezzo, proprio perché è timido.

    Forse.

    forse invece è solo uno che ha visto troppi film.
    Però io sono romantica fino al midollo e mi piace di più la prima spiegazione🙂

    baci

  4. Giuliana ha detto:

    immagino. Pero’ voglio dirti una cosa, in nostro modo di vedere e di ragionare in un rapporto e’ completamente diverso da quello del maschio, siamo “configurati” in maniera diversa e non c’e’ ne’ merito ne’ colpa. Il problema nostro e’ che pretendiamo di essere comprese anche senza parlare perche’ noi riusciamo a farlo, gli uomo invece hanno bisogno di avere spiegazioni dettagliate e magari un disegnino orientativo 😉. Concludo dicendo, come dicono tutti quelli di una certa eta’, “se son rose fioriranno” 💘

  5. Bia ha detto:

    Un uomo che ti chiede inanticipo, è perché insicuro. Tu puoi avergli detto qualsiasi cosa sul tuo bisogno di tempo, ma un uomo mica capisce un ragionamento di questo genere, in quanto uomo appunto.
    Se son rose fioriranno, ok… ma con gli uomini d’oggi non vale più questo discorso.
    Vale solo una questione: lui ti interessa? Se sì, riprendi il discorso. Se no, che ne parliamo a fare?🙂

  6. Perennemente Sloggata ha detto:

    Giuliana, mi stupisco per le tue parole: in genere siamo noi donne a chiedere conferme per ogni cosa, in questo caso era il contrario. Io parlavo esplicitamente, non c’era possibilità di fraintendimento…

  7. Perennemente Sloggata ha detto:

    Non credo ci sia un futuro. Non rincorro le persone che non vogliono capire: te lo spiego tante volte, ma non infinite. Lui si dev’essere offeso dalla mia reazione e a questo punto basta.

  8. Giuliana ha detto:

    avevo capito perfettamente cara, mi riferivo al fatto che bisogna parlare chiaro agli uomini anche sul fatto di non fare fretta, di lasciarci i nostri tempi, di non pressare, di non chiedere, perche’ i loro tempi sono diversi dai nostri.

  9. Giuliana ha detto:

    cara mia, sono una veterana in fatto di uomini (senza fraintendimenti maliziosi), conosco abbastanza bene i loro processi mentali che, mi ripeto, sono ben diversi dai nostri. Lui ha intuito la tua sensibilita’ e che non sei una di quelle che si butta in ogni storia e, a modo suo, ha voluto “tastare il terreno” in modo un po’ maldestro. Ma, se possibile, dagli un’altra chance, in fondo potrebbe essere in buona fede solo “un po’ maldestro” 😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...