Questioni di sangue

Ad agosto 2015 ho fatto le analisi del sangue, anche se avrei dovuto pensarci prima visto che l’ortopedico di Supeimonti (due anni fa due) mi aveva detto di tenerle sotto controllo perché avevo dei brutti valori. Le ho fatte in una clinica convenzionata, dove le ho sempre fatte, da che sono qui.
Il mio medico amatissimo si è spaventato e me le ha fatte rifare subito presso l’ospedale centrale di Mari&Monti sperando in un errore di laboratorio.
Non ci credeva nessuno, a dirla tutta, eh, e infatti i risultati nel giro di due settimane di distanza erano pure peggiorati. Da lì, nel giro di pochi mesi le ho rifatte più volte fino a novembre-dicembre, per poi continuare le cure e rifarle a maggio.
Avevo cominciato le cure già dopo le seconde o terze analisi e già a novembre/dicembre i valori più pericolosi erano calati consistentemente, pur restando ancora pericolosi.
Per cui è comprensibile come io aspettassi di poter fare i prelievi (li avevo prenotati già all’epoca, mesi e mesi e mesi prima: infatti ho portato le ricevute in detrazione con questo 730 ahahah) e poi di ritirarli.
Ebbene: chi li ha visti subito con me, ha detto “bene, direi, che dici?” in toni anche entusiastici. Io ero molto più fredda: aspettavo di parlare con il mio dottore immaginando che sarebbe stato contento. Invece, sereno e pacifico come sempre ma niente di che: continuiamo le cure perché dobbiamo ancora sistemare di un bel po’ quei valori.
Nel frattempo avevo da pensare anche alle caviglie: lo spray consigliatomi dal nuovo ortopedico è decisamente meglio di schiume pubblicizzate in tv (che fanno il loro effetto ma…); ho impiegato 1-2 mesi per recuperare delle cavigliere che sono un po’ dure da mettere e impossibili da togliere; sto facendo una cura per le caviglie (ma non solo) con integratori più o meno naturali, che costano un rene e che hanno un ingrediente che dovrebbe favorire il sonno (me l’ha confermato la farmacista, me l’ha confermato sia la casa farmaceutica che lo produce e pure il loro medico). Peccato che a me non facciano dormire: sono proprio loro: se le prendo nel pomeriggio o la sera, mi addormento come sempre ma mi sveglio dopo un paio di ore e non riesco a riaddormentarmi in alcun modo. Ergo, le prendo al mattino. Non sono scaricabili dal 730 ma ormai le prendo in una farmacia che fa la raccolta punti sui prodotti non medicali e non scaricabili, per cui nel giro di pochi mesi riesco ad avere buoni sconti interessanti… Robe da matti, eh?
In tutto questo, la dieta è andata a professioniste. Porcasabbiettashporca!

Ho mollato il colpo su tutto. Non riesco a riprendere in mano dieta e cure come dovuto. Le pressioni sono tante e ovunque. Io fatico a gestire il tutto e quindi, come al solito, guardo la pagina del blog e… il vuoto. Ma vi penso sempre, anche se in silenzio.

13 pensieri su “Questioni di sangue

  1. Bia ha detto:

    Tesoro ti penso tanto pure io. Tieni duro e continua le cure, che sono tanto importanti. Dita sempre incrociate :*

  2. ontanoverde ha detto:

    Che dire Elisa, tra un salto e l’altro mi sembra di essere in un ballo se senza fine e così si va avanti, sempre…
    Spero nelle ferie… che arrivino presto, che mia figlia si trasferisca e che un po’ di calma rientri nella mia vita..
    a presto…un abbraccio, Renata

  3. antonella lamarra ha detto:

    leggo che anche tu hai vissuto un periodo un po’ travagliato, ma tieni duro … non può piovere per sempre

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...