Perché ho disattivato il mio account personale su Facebook

(o sto comunque per farlo)

Carissimi,
so che vi suonerà strano ma… sto iniziando a bloccare il profilo personale di Fb. Ho bisogno di “silenzio” e di distacco dalle follie che fb riesce a tirar fuori dalle persone, me in primis. E’ una cosa che medito da tempo, abbastanza tempo, e la cosa più difficile è separarsi dalle belle persone come voi che ho tra i miei amici.
Non ho idea se e quando tornerò, intanto mi prendo una pausa.
Chi ha piacere mi può contattare ai miei soliti recapiti. Chi non li avesse e fosse interessato, mi può contattare in privato.
Chi, invece, preferisse eliminarmi dai suoi contatti, proceda pure.
Intanto vi abbraccio tutti e ci risentiamo.
Grazie per tutto.
Sloggata

Allora. Quello succitato è il mio post di chiusura del profilo, in attesa di poter scaricare il backup che Facebook permette di salvarsi (nelle “Impostazioni generali dell’account“), di scaricare un po’ di foto e poi disattivare (NON eliminare del tutto) momentaneamente il profilo.
Momentaneamente, quanto? Chi lo sa… per un po’, per sempre, non lo so e non mi interessa saperlo. Già il fatto di averlo deciso, mi fa sentire più leggera e tranquilla. E più libera, soprattutto perché le notifiche sono notevolmente diminuite.

Ma perché una decisione così drastica? Si può vivere senza Facebook?? Sì. Parrebbe che al mondo esistano persone senza alcuni socialnetwork. Roba da non credere, in effetti.
Io sono arrivata ad un punto di saturazione estrema: non sopporto più di avere la home page invasa di post impersonali, condivisioni di link carini, condivisioni di bufale (e va a spiegare che è una bufala, tanto ne metteranno un’altra o ti risponderanno che “boh, non si sa mai”) o di link di richieste di aiuto non più attuali (basterebbe cliccare sull’immagine o sul profilo originario per scoprirlo), link razzisti, link violenti, link aggressivi, link di richieste di stalli affidi adozioni animali, link di presunta sensibilizzazione strappacuore per animali o bambini (ma in realtà una fucina di clic e soldi), link di sdegno e presunta informazione (ovvero reale disinformazione. Pagine ignoranti, post scritti in un italiano atroce, link di applicazioni tipo quelli di monitoraggio dei passi, delle calorie, della corsa, della dieta, del fitness… Test stupidi e falsissimi, ignoranti ed incredibili. Post e link invasatissimi, indifferente se nazimalar/veg-etar/politicar/fruttar/breathar/sciikimicar/complottar-iani.
E poi le foto. Le foto personali. Quelle che ritraggono noi donnine con la bocca a culo di gallina o con le labbra appena socchiuse e quell’espressione assolutamente intelligente (lo so che vi state immaginando quel vostro contatto che le pubblica tutte uguali, in posa sexy, da anni, non negatelo… e state pure sorridendo, quasi schifati…), possibilmente in versione gnocchissima, e s-vestite in maniera adeguata ad un profilo accessibile – magari – anche a colleghi e capi.
Per gli uomini parliamo di quelle foto davanti allo specchio, aifon in mano, mille tatuaggi, pancia in dentro e pettorali in vista, e… ok, mi fermo, credo di aver reso l’idea.
Mi chiedo perché non fare direttamente un profilo autonomo al monte di venere o alla tartaruga, hanno più foto loro dei miei gatti… E non parlo necessariamente di bimbiminkia, eh.
O quelli che ti invitano a qualsiasi cosa: giochi, eventi dall’altra parte del mondo, gruppi non richiesti, mipiace a pagine di cui non te ne può fregare un piffero.
Senza contare, infine e appunto, i gruppi. A quelli ho dedicato, in qualche modo, un post. Questo. Ma avrei altre mille cose da dire. Meglio finirla qui, va.

No. Non ce la faccio più. Troppa libertà di espressione, è davvero troppa. Soprattutto perché dipende se si parla della propria bacheca o di quella altrui, ecc. Ci si sente autorizzati a dover (ripeto, dover) esprimere la propria opinione e il più possibile “antiperbenista” scadendo in un piattissimo e svaccatissimo anticonformismo che più conformista non si può.
La gente non si rende conto che seppure sa leggere, non sa capire e tantomeno esprimersi, figuriamoci scrivere. Ma sa offendere e diffamare, come fossero le cose più normali al mondo.

Mi mancheranno alcuni gruppi, per lo più segreti, con persone splendide diventate amiche. Mi mancheranno altri contatti, altri amici. Ma se l’interesse è reciproco, c’è modo di sentirsi anche al di fuori di quel social network. E so che alcune di queste splendide persone conosciute tramite social, le troverò anche fuori. E questo salva tutto.

15 pensieri su “Perché ho disattivato il mio account personale su Facebook

  1. Bia ha detto:

    Io uso facebook “filtrato”… Ho tolto la ricezione delle notifiche alla maggior parte dei contatti, ho eliminato la maggior parte delle persone che non conosco nella vita reale, alla fine la mia bacheca mi mostra prevalentemente gli amici che seguo e con cui interagisco più o meno quotidianamente. Il resto non mi interessa… proprio perché non voglio arrivare al tuo livello di saturazione, che condivido appieno!
    Su facebook non mi mancherai, principalmente perché se desidero interagire con te, abbiamo ben altri canali per sentirci, e decisamente più gradevoli che non un social! :*

  2. maurizio ha detto:

    Avete perfettamente ragione ma allora quand’è che mi date il vostro numero di telefono cosi posso importunarvi di notte con telefonate psico-erotico-sessuali sul tipo…..beep beep beep!!

  3. La Precisina ha detto:

    Ed è per questo che son scappata pure io nel maggio del 2014. Basta intolleranza, basta fuffa bufalara, basta post scioccanti o politici condivisi sulla mia bacheca, basta colleghi di cui non puoi rifiutare la richiesta d’amicizia, anche se vorresti tanto farlo (tusaidichiparlo). Non è sufficiente bloccare le persone. Un po’ perchè talvolta ci sono implicazioni diplomatiche nel farlo, un po’ perché non te la puoi prendere con quell’amico che ha fatto fatica a finire la scuola dell’obbligo (con i laureati sì però, che caspita) se non ha gli strumenti logici e culturali per difendersi dalle balle, dai sensazionalismi, dagli estremismi. Aggiungi pure, nel mio caso, i consigli non richiesti su come allevare il Precisino jr., consigli che spesso tuonavano come delle ammonizioni, quel genere di consigli che ti fanno dire “ma tu, che c…. ne sai di me, eh???”. Ecco, quando su FB ti fai una domanda del genere, allora è l’inizio della fine, perché su FB scrivi anche quante volte vai di corpo (scherzo, ma è per rendere l’idea).
    Senza contare la perdita di tempo. Ah, l’OCSE ha detto che in Italia ci sono 47% di analfabeti funzionali. Se frequenti FB, te ne accorgi anche tu senza bisogno delle ricerche dell’OCSE.
    PS: mi sono reiscritta su FB il mese scorso, col mio secondo nome e il cognome da sposata. Non ho “amici”, né li cerco: è per seguire le pagine dedicate ai miei musicisti preferiti e i gruppi di bigiotteria, e sono felicissima di essere asociale sul social!

  4. La Precisina ha detto:

    Slog, da mamma ti dico che ti sei dimenticata degli antivaccinisti, o forse te li sei risparmiata…

  5. Nuvola Rossa ha detto:

    Quel social network è stupido e lo frequentano persone stupide.
    Ti sei cancellata perché tu non sei stupida.

    Punto.

    È la celebrazione del nulla, il creare l’evento lì dove non ce n’è nemmeno uno: l’uscita a mangiare un panino, primi piani sulle bustine del ketchup, una vetrina per gente che non vuole per forza che gli altri li guardino: guarda sono andata al mare, al cinema, a fare la bevuta.

    Masticazzi.

    Vedrai come ti sentirai rinascere.

  6. Perennemente Sloggata ha detto:

    Precisina, hai ragionissima. Ti pensavo un sacco. Io sto mantenendo solo l’account che uso come amministratrice di un gruppo, ma non è così social, come profilo. Basta quello. E mai come ora sono contenta di essermi estraniata da quel posto.

    Nuvoletta cara ^_^ in realtà ci sono anche persone intelligenti, per fortuna, ma concordo in linea di massima con la tua disanima.

  7. soloperannalena ha detto:

    Come BIA, di quelli che trovo antipatici o cretini non visualizzo più i post e non so neanche più che esistano, a parte quando (raramente) intervengono loro sulla mia bacheca. Per il resto mi riuscirebbe un po’ difficile farne a meno: sapere qualcosa di amici lontani, avere un’idea di chi frequentano i miei figli, poter scegliere le notizie dei giornali a cui ho messo “mi piace” senza doverli visitare a uno a uno, leggere notizie interessanti che segnalano amici interessanti, ci sono anche diversi vantaggi.

  8. Mi piace un tot! ha detto:

    Grande stima per te! Anche io ogni tanto faccio pulizia e filtro a destra e a manca… Ma non sono pronta ad abbandonarlo, mi piace commentare foto e post degli amici (sono una potenziale stalker 😂), il resto lo ignoro o lo filtro

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...