Cucito creativo e primi passi con la macchina da cucire

Spuntì l'aiutante supervisore

Spuntì l’aiutante supervisore

Erano anni che desideravo frequentare un corso di cucito ma alla fine non ho mai investito in un corso. L’anno scorso, tra le molte mail della newsletter del circolo ricreativo di CdM è arrivato anche il progetto dei corsi di cucito creativo: corso base e corso avanzato.
Essendo in salatest ed avendo orari flessibili, mi sono detta “perché no?” e mi sono iscritta al modulo base: questa è una macchina da cucire, questo è il volano, questa è la spolina e si fa qui sotto, ecc. Io ero come davanti al 7° e 8° mistero di Fatima: ecco da dove esce il filo sotto!!
Alla fine, nonostante il costo, un modulo alla volta, li ho seguiti tutti. Attenzione, non dico che costasse troppo perché riconosco assolutamente il tempo e la professionalità della maestra (peraltro deliziosa e carinissima) e anche il noleggio delle macchine da cucire per chi non ce l’avesse o per chi non potesse portarsela avanti e indietro da casa (pesano. Mamma mia se pesano, soprattutto quelle vecchie. Inoltre spostarle in continuazione potrebbe non essere sempre una buona idea). Però comunque sul totale mi è preso un colpo.
Ma io volevo imparare e quindi seguire tutto il percorso che, era evidente, era studiato in incremento di nozioni e “difficoltà”. Per cui, il primo modulo mostrava la macchina da cucire, attrezzi vari, tecniche e punti base, cerniere, imbottitura, bordure, e quant’altro. E poi nei moduli successivi, si passava a creare altro.
Ergo, tanto ero entusiasta che mamma – sono sicura – è entrata in brodo di giuggiole: mia sorella ad un corso di cucina ed io di cucito. Per lei che ha fatto economia domestica in Germania, figuriamoci! Dicevo, tanto ero entusiasta che mamma mi ha regalato la sua macchina da cucire. Solo che attualmente sto tirando giù tutte le parolacce dal vocabolario perché ogni volta c’è un problema diverso. Devo capire cosa sbaglio, al di là degli evidenti (30-33 anni) della signora.

Ne riparliamo.

10 pensieri su “Cucito creativo e primi passi con la macchina da cucire

  1. Perennemente Sloggata ha detto:

    il problema è quella macchina. quella precisa. umpf. ho visto la tua brother di un vecchio post, come ti trovi? prezzi? perché mi sono innamorata di una semplice pfaff da “miseri” 700 euro…

  2. frizzantina ha detto:

    ahahah miseri 700..🙂🙂
    io con la mia Brother mi trovo benissimo per adesso.. per quello che faccio, riesce ad accontentare ogni mia creazione🙂 come prezzi però non so dirti perché è stato un regalo..ma immagino sui 300 se non qualcosa in più. Ha un sacco di punti ed è molto completa.
    Se ti consola, anche io ho un desiderio nascosto..una bella taglia cuci… :))

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...