Anche quest’anno… tolto il dente!

Due anni fa passai un periodo lunghissimo sotto qualsiasi tipo di medicinale: antibiotici, antidolorifici, analgesici e che altro, per via di faringiti, influenze, infiammazioni, denti. Conclusi con l’estrazione di un dente del giudizio inferiore (sono più complessi) con parte ancora infiammata. Dopo 8 settimane di medicinali vari, ero giusto un pelo intontita e nauseata. Un antidolorifico specifico non potevo nemmeno vederlo che mi risaliva su di tutto.
Un dolore prima, durante e dopo, che nemmeno vi ripeto. Ma ho quasi costretto il dentista e il chirurgo a togliermelo perché non passava più.
L’anno scorso, appena ho sentito muoversi il dente sopra, sono corsa a farmelo togliere ed è andato tutto liscio.
Quest’anno, appena ho sentito muoversi l’altro dente sotto, sono corsa a farmi le radiografie aggiornate (oh, in privato la panoramica costa meno che facendola mutuata e ci metti meno tempo: non serve la ricetta del medico né la prenotazione con chissà che tempi) e poi… appuntamento col chirurgo e straaap, via il dente.
Non vi dico. Martedì ero così nervosa che mi sentivo un leone in gabbia. Sono andata a letto con una tachicardia degna di assunzione di millemila caffé o di dosi spropositate di zucchero. Alle 2 Spuntì è venuto a cercarmi in uno dei miei giri per casa, l’ho preso in braccio e me lo sono portata in camera. Si è piazzato tra la mia testa e la testiera, e poi teneva la sua testolina e la sua zampa nella mia mano: ho iniziato a calmarmi e, piano piano, devo essermi addormentata.
Appuntamento alle 14 ma alle 11 mi squilla il cellulare: il numero del dentista. Speriamo non mi tiri bidone, perché se no ci ripenso del tutto, penso. Rispondo ed era l’assistente che mi chiedeva conferma che andassi. Ho risposto un entusiastico “sì, sì” che però celava un’incoscienza di fondo. E dire che avevo l’occasione per ripensarci.
I denti del giudizio inferiori sono più particolari, da quello che ho capito, per cui non è il dentista ad occuparsene ma chiama un chirurgo. Due anni fa è stato atroce perché la parte era infiammata (nonostante antibiotici ecc ecc ecc non si disinfiammava ed io non reggevo più), l’anestesia su di me attacca meno già di per sé e quindi me ne hanno fatta prima durante e dopo. Mi sono ritrovata giorni con la faccia come un pallone, l’assistente si è ritrovata una mano stritolata, ma è passata.
Quest’anno avevo paura. Ed io non ho mai avuto paura del dentista.
Cooomunque, ieri vado e – come già annunciatomi dal dentista in precedenza – trovo un altro chirurgo. Solo che c’è anche un praticante e una assistente nuova.
Vabbè. Il chirurgo inizia ad usare qualche attrezzo in bocca e alla fine scopro che quello che aveva in mano non era una penna o taglierino o bisturi o so io come si chiama. Era un attrezzo per l’anestesia. Fastidioso ma non doloroso come la classica siringa. Meraviglioso. Davvero. Non lo riconosci e fa meno male. Tuttavia mi ha dovuta sprizzare l’anestesia sia prima sia durante, ma almeno non dopo.
Peeerò! Anche quest’anno ho vinto qualcosa:
Chirurgo: ah, ma i tuoi denti sono molto affezionati a te, non vogliono mica saperne di venir via…
Io: ghhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh
Assistente, sorridendo: si trovano bene con te
Io: -_- ghs (grazie)
Chirurgo: oh, ma tu guarda, qui abbiamo una bella doppia radice, guarda qui…
Io: -_- mpf
Assistente, mi sorride.
Chirurgo, estraendo la prima parte: guarda qui che bella radice, guarda, doppia, interessante!
Io alzo la mano facendo il gesto “no, grazie, ma anche no, non voglio vedere nulla”
L’assistente mi rassicura: tranquilla, non diceva a te, chiamava il dentista
Rafforzo il gesto del “io non voglio vedere né sapere nulla, grazie”
Dentista, mi fa l’occhiolino.
Bene, considerando che stavo abbastanza in forma, si stavano dimenticando di darmi un antidolorifico. Per fortuna il chirurgo ci ha pensato.
Pago, esco di là e vado al supermercato: un paio di scatolette di bocconcini e un po’ di croccantini per i mici, un paio di vaschette di gelato dal reparto surgelati e via a casa, sotto le coperte, ghiaccio sulla guancia e gatti addosso o in postazione di controllo.

Ora, io vorrei sapere come diavolo ha fatto una collega a farsi togliere uno o due denti (non ricordo) e poi tornare a lavorare tranquilla come se non fosse successo nulla. Io ho ancora un po’ di male e fatico ad aprire la bocca.

Ora avanza l’ultimo dente superiore. Ma finché non si smuove lui e comunque non prima di un altro anno, non si tocca.

4 pensieri su “Anche quest’anno… tolto il dente!

  1. Bia ha detto:

    Io i denti del giudizio ancora non li ho! Se ne stanno là sotto. e per ora non disturbano. Ma tremo al sol pensiero!

  2. Bia ha detto:

    Mamma Mia, due anni fa mi sono tolta i due denti del giudizio inferiori (quelli superiori erano stata una passeggiata di una decade fa). Mai sofferto così tanto! Il dente, poi, quello più bastardo, si era rotto i non so quanti pezzi durante l’estrazione. Volevo svenire!!
    Ora sono grata di non avere più “escrescenze dentali”😀😀😀 (però il terrore del dentista mi è rimasto!)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...