Scene da ufficio

bandiera piratiIl mio ufficio è piuttosto particolare. Come più volte vi ho fatto intendere, siamo un branco di buffoni, più o meno. (Professionali, nel nostro lavoro, sia chiaro!)
In senso buono, ovviamente, eh! Ci divertiamo molto anche se tanti pensano che abbiamo una capa severissima. Ma secondo me, semplicemente sa fare il capo e sorride anche lei alle nostre pagliacciate (quelle che vede, eh, mica tutte!).

Venerdì sera siamo usciti insieme: tra aperitivi, pizza, bevuta successiva, siamo tornati a casa relativamente presto. A mezzanotte e mezza circa. Ma era frescolino: in altre occasioni alcuni sono rincasati anche dopo…
Ed è in queste occasioni che vengono partorite le idee migliori, ovvero… Visto che siamo praticamente a Carnevale e visto che una parte dell’ufficio si sta occupando del settore dei natanti (imbarcazioni di qualsiasi genere), è comparsa una goliardica bandiera dei pirati attaccata a due scrivanie. Il datore di lavoro mio e di vari colleghi, ovvero di Migliore Srl, si è fatto una risata. Altri responsabili non hanno mostrato di averla notata. Per ora.
Non serve nemmeno specificare che la bandiera ormai compare in tutte le mail a riguardo…

Passiamo alla parte SputtanaSlog…
Da qualche tempo è comparso un nuovo collega in un altro ufficio, poco più in là. Nuovo nel senso che non stava lì, prima. E ora ha preso lui in carico mansioni che gestivano altri, che sta ancora studiando e noi facciamo riferimento a lui per determinate richieste.
Bene. Quest’uomo ha il potere di mandarmi totalmente in tilt con uno sguardo: ha gli occhi che brillano. Sempre. Luccicano. E il mio unico commento è sempre “prima o poi gli svengo ai piedi”.
Ovviamente è semplicemente un “pour parler” visivo, perché è più grande di noi e sicuramente tiene famiglia (ergo, ai miei occhi intoccabile), però ha un modo di fare molto educato e fascinoso.
E visto che coi colleghi ci si sfotte per qualsiasi cosa, ormai è frequente assistere alle seguenti scene:
– Slog che fa l’aria sognante sospirando un “prima o poi svengo ai suoi piedi”;
– un collega che, quando passa il Fascinoso, annuncia di passar lo straccio (per asciugar la bava, si suppone);
– una collega che fa il gesto di pulirmi l’angolo della bocca con il foulard;
– un’altra collega che ne imita l’accento;
– collega che chiede “ma di che colore ha ‘sti benedetti occhi??” e Slog risponde “e che ne so, brillano!”
– tutti che ridono alle lacrime. Io per prima.
Soprattutto dopo siparietti al limite dello show (o dell’imbarazzo), a cui evidentemente anche lui partecipa (seppure in maniera più composta):
Ciao! Sono venuto a farti dieci domande
Oh, cielo! ‘spetta, posso indossare le cuffie? *Slog mima le cuffie da telequiz* O al limite uso le cuffiette da helpdesk, ok?
Prego, prego, pronta? Sarò cattivissimo
*Slog nota il cavo degli auricolari dello smartphone che, in parte fuori dalla tasca, quasi tocca la moquette* Scusa, posso? *lo appoggia sulla scrivania* E’ che non è propriamente il caso di
Ah, beh, giusto, in effetti, non è molto pulito… Ma di chi è?
Ehm, tuo!
Ah, sì, grazie!
…*domande che rilancio ad un collega – no, non perché sono stordita dalla presenza, ma perché certe cose informatiche proprio non le so*…
E’ che i dati che ci hai mandato, non sono utilizzabili per questo e quest’altro motivo, e il file che ti ho girato per farti capire… beh… ecco… modifichiamo noi i dati in maniera… goliard ehm assur cioè strana…
Eheheh, ora riprovo così ve li rimando vergini e poi potete farne quello che volete! *grins*
*muoio* Grazie, allora, ciao!
Ciao e grazie a te *esce*
Allora, chi è che chiedeva di che colore ha gli occhi? Eh? Chi? Ce li ha castani, ce li ha! Stavolta li ho proprio guardati!
*boato*

Ma sì, si ride! E anche tanto: stavolta tocca a me, la settimana scorsa cioè quelle prime è toccato ad altri due colleghi per apprezzamenti fatti ad una programmatrice; ogni tanto ad una collega per una figuraccia (mai confermata, in realtà) con uno sconosciuto del piano sotto o dell’altra ala del piano; qualche mese fa (ma torna sempre fuori) un collega con una grande fan in una delle altre sedi di Colosso del Monte (e di una svegliona che ad un nostro collega al telefono ha chiesto lumi con tanto di soprannome – imbarazzante – che la fan gli deve aver affibbiato); e così via discorrendo.

Annunci

8 pensieri su “Scene da ufficio

  1. Bia ha detto:

    E una fotina di nascosto, non riesci a strapparla? Così sbavicchio un po’ pure io 😀
    (non che io sia carente di sbavate in ufficio, anzi…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...