Giornata tipo in casa Spuntìni – 2

— prosegue dalla puntata precedente

Ovviamente io la seguo ovunque: devo tenerla sotto controllo, quella, se no chissà che mi combina. E’ stordita, sappiatelo.
E con “ovunque”, intendo proprio OVUNQUE. Che non si sogni di chiudere le porte, se no miagolo. E come se mi sente!
Cioè, in realtà non so come al mattino o quando fa la doccia, lei possa tenermi fuori dal bagno. Ma tant’è. Io non ho più miagolii: è un caso disperato.

E’ evidente che mi metto a ronfare ovunque io possa vederla semplicemente alzando un sopracciglio.

Tutte le sere la intratteniamo, perché resti in allenamento, con il bastoncino piumato (sono campione mondiale, faccio certi salti mortali!!) e con la canna con un fu-pesciolino (la Rossa ne va matta, perde ogni dignità). Così poi siamo pronti ad andare a nanna nella cuccia grande.

Tra l’altro, mi chiedo: a cosa ci serva una cuccia tanto grande, se tanto alla fine ci stiamo tutti in metà spazio? Certo, d’estate non è il caso di appiccicarci alla bipede, abbiamo caldo anche noi, per cui occupiamo la parte vuota, ma d’inverno le stiamo micini-micini per tenerla al caldo. Lei dice che non riesce a muoversi e che alla fine occupa mezza piazza di due che avrebbe a disposizione. A me pare ingratitudine bell’e buona!

Ad ogni modo, la notte le nostre posizioni sono sempre le solite, a seconda della stagione:
– d’estate, ce ne stiamo spaparanzati comodamente sulla parte affianco alla bipede: fa troppo caldo per starle addosso. Io poi mi svacco a pois all’aria e zampe allungate ovunque, tipo a 4 di spade.
– d’inverno, la Rossa se ne sta in fondo ai piedi, spesso vicina a Tamino. A volte ci sto anch’io. Se mamma divarica un po’ le zampe, allora ci infiliamo nel mezzo. Lei si lamenta che non riesce a girarsi, ma non vedo perché dovrebbe. Soprattutto è fastidiosa quando ci lancia giù dal letto: vi pare giusto disturbare il sonno agli altri?? Tamino a volte si infila sotto alle coperte e si mette a fare il pane sulla pancia della mamma, entrambi messi su un fianco. Io ogni tanto mi infilo sotto le coperte solo per verificare che non ci sia nessun altro.
– a prescindere dalla stagione, capita che io mi metta a dormire tra la testa della bipede e la testiera del letto: se fa caldo, sto a pois all’aria, altrimenti sto un po’ meno svaccato. Altrimenti capita che lei metta una mano sul cuscino ed io gliela tenga appoggiandoci sopra la mia zampa. Se però la bipede ha pensieri, le tengo una zampa sulla testa, così mi dorme tranquilla (e non mi disturba); se invece è piuttosto nervosa, allora appoggio anche la mia testolina sulla mia zampa sulla sua testa. Non sempre funziona, ma diciamo che la rassereno un po’.

E così trascorre la notte. Per il risveglio, a domani!

Annunci

8 pensieri su “Giornata tipo in casa Spuntìni – 2

  1. Bia ha detto:

    Oh signur, ma queste nottate sono un incubo!!! Dolcissime coccolosissime e gattosissime però… un incuboooo!!! 🙂

  2. Telleena.Sbacchi ha detto:

    “Tra l’altro, mi chiedo: a cosa ci serva una cuccia tanto grande, se tanto alla fine ci stiamo tutti in metà spazio?”, credo si ponga la stessa domanda la mia pelosa, solo che lei è un cane taglia media di 20 chili e più, che talvolta si corica lungalunga su di me. L’indomani sembro reduce da un incontro di box, con ululanti dolori allo sterno, basta però una scodinzolata e un ‘dammi il cinque’ a far passar tutto.

    Buona correntecontro 😉 T.S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...