Piccole rivincite, in ordine sparso.

Ho fatto un ordine di vestiario da un sito, visto che hanno chiuso il negozio (per noi un po’ più “argomentative”) in centro commerciale.
Ho chiesto alla mia amica invisibile consiglio per le taglie e giustamente mi ha consigliato di misurarmi e guardare sul sito. Responso del sito? Taglia 54-56. Mi pareva un po’ troppo, leggo i commenti delle altre acquirenti che dicono che vestono larghi (ho preso un vestito e qualche pantalone, ehm 2 leggins, 2 fuseaux, 2 pantaloni morbidi, slip d’attacco), al che controllo in casa e vedo che alcuni loro capi in mio possesso sono effettivamente 50-52.
Al che, ordino 50-52.
Bene. Mi provo tutto: avrei potuto ordinare: per il vestito, comodamente una taglia in meno, per i pantaloni pure e nei leggins e per i fuseaux quasi quasi forse pure. Slip un tipo va bene, l’altro è morbido e comodo.

E son soddisfazioni, santaciotola!!

Comunque, si vede che sto dimagrendo, anche se non è che sia a dieta ferrea, le trovo controproducenti. Sto cercando di rieducarmi. E soprattutto se mangio bene a pranzo (se no crollo), la sera mangio una mega insalatona con dentro tutto quello che mi va e piace, frutta, verdura, sia fresca sia secca.

Brava Slog, continua così!!
(di certo non sono esile di costituzione, ma 8 anni fa ero una taglia 46 tonica  -credo che la 46 dell’epoca corrisponda ad una 48 attuale, almeno-  e facevo girare anche qualche uomo per strada. Per cui miro a tornare nella mia forma migliore, quale che sia.)
_______________________________________________________

Piccole rivincite, parte prima. Risale a 4 anni fa.
10 anni fa ho conosciuto uno. Un uomo di successo. Cioè, “conosciuto” è un parolone, col senno di poi. Diciamo che mi sono lasciata irretire. Mi piaceva, mi incuriosiva, mi ha preso la testa e il cuore. Ma alla fine più che altro la testa. Ed è questa la cosa devastante: più provavo ad allontanarmi e ad allontanarlo, più diventava difficile perché aveva troppo ascendente su di me. E lo sapevamo entrambi.
Ma si sa, certi stronzi, tornano sempre a farsi riempire il loro ego.
Per cui, ogni tot tempo si rifaceva vivo (e mona io che glielo permettevo), io provocavo le discussioni pur di allontanarlo, gli chiedevo di non farsi più vivo ma invece. Ogni volta tornava, a tal punto che azzeccavo anche le tempistiche.
Fin quando… Ho scoperto tramite amicizie in comune (ma non con lui direttamente) che forse in realtà lui una storia importante l’aveva avuta. E che anzi, s’era pure sposato nell’ultimo periodo. Ma poi sembrava che non stessimo parlando, questi amici in comune ed io, della stessa persona.
Ma due anni dopo questa conversazione, non ricordo nemmeno il perché, ho reintrodotto l’argomento con questi amici in comune e ho chiesto anzi implorato di dirmi la verità o di scoprire se in realtà stessimo parlando della stessa persona.
A me non interessava metterli in mezzo e anzi ho garantito che non sarebbe successo perché la verità serviva a me per chiudere un capitolo (che ora probabilmente è anche chiuso, ma devo affrontarlo una volta per tutte per stabilirlo definitivamente. Io me lo sento che è chiuso).
Mi hanno confermato.
Come prevedibile, lo stronzo di successo si è rifatto vivo. Al che, visto che non si smascherava come al solito, ho insistito sulle novità (e nemmeno poi tanto “novità”: due anni di matrimonio, non mi paiono una gran novità) ma niente.
E allora, con grande forza di coraggio e serenità me ne sono uscita con un discorso simile:
“ma tu, com’è possibile che ti sei dimenticato (se, dimenticato… figurati!) di dirmi che ti sei sposato con quella che è la tua storia più importante, tu che negavi di averne una? E soprattutto non ti sei mai reso conto della mia presenza in un gruppo seppur vasto? E ancora, lo sai che per poco non sono entrata davvero in confidenza con quella che ti sei dimenticato dirmi essere tua moglie Clarabella (nome di fantasia, ma ovviamente a lui ho dato gli estremi veri, per fargli capire che non stavo tirando ad indovinare) e che, per questo, avrei potuto rovinarti il matrimonio già all’inizio senza rendermene conto e senza peraltro nemmeno volerlo??”
Bene, da quel momento sono passati 4 anni. E lui non si è mai più rifatto vivo in alcun modo.
Non avrei mai voluto rischiare di rovinargli il matrimonio per una serie di motivazioni (non sono in ordine di importanza):
– non volevo mettere in mezzo gli amici in comune con sua moglie (mi chiedo se siano ancora sposati e se la figlia che lei ha, sia sua);
– speravo che lei davvero fosse la donna della sua vita e che avesse trovato l’amore vero che gli mettesse la testa a posto;
– non sono nessuno per giudicare se il loro fosse amore vero o meno;
– non sono una rovina famiglie e quindi, seppure lui l’avrei sfregiato emotivamente per bene, lei mi stava anche simpatica e mai avrei voluto rovinarle un sogno d’amore;
– a differenza sua (di lui) sono una persona tendenzialmente corretta e leale.
E così, finalmente, è sparito davvero dalla mia vita.
Io non capisco perché certi ex (uomini o donne che siano, so di entrambi, vigliacchissimi, casi) quando chiedi loro di non farsi più vivi, magari sono stati proprio loro a chiudere il rapporto, dopo un po’ di tempo si rifanno vivi. Ma perché? Me lo sapete spiegare che gusto c’è nel voler sapere se ancora abbiano dell’ascendente sull’altra persona?
Ad ogni modo, io credo fermamente di averlo un po’ intimorito. Perché sicuramente non gli ho mandato a dire ciò che pensavo, anche se ribatteva a suo modo (sono io la maliziosa, malfidente e quant’altro vi possa venire in mente) ed ero piuttosto sicura di me ma soprattutto per quanto io abbia lasciato chiaramente intendere (e l’ho dichiarato) che non avrei mai usato quelle informazioni per rovinargli il matrimonio, credo che lui abbia pensato che una bomba simile nella mia borsetta fosse un pericolo: una donna ferita può avere i 5 secondi di follia e far esplodere la bomba.

Morale della favola: tutti i nodi tornano al pettine ma soprattutto tutto torna, per cui è solo questione di tempo per raccogliere ciò che si ha seminato. Solo che alcuni non ci credono e fanno molto male.
In parte mi è dispiaciuto l’usare la situazione quasi come un implicito ricatto, ma era l’unico modo per fargli capire che non poteva più prendermi per il culo.
(E poi diciamolo: un po’ ci ho goduto, anche se avrei voluto davvero sfregiarlo. Ma non coinvolgendo un’altra -probabilmente ignara- persona)
________________________________________________________

Insomma, per concludere, Slog sembra ed è un panzer, una rompiballe, un’esagerata, una teatrante, una che abbaia, una aggressiva. Ma. Ma è anche timida nei sentimenti e se attacca lo fa per difendersi, ma cercando di non affondare l’altro.
Occhio a provocare.

Advertisements

13 pensieri su “Piccole rivincite, in ordine sparso.

  1. Sgiusgiola ha detto:

    è perchè tu sei una signora, mica tutti son cosi!!!
    🙂
    e comunque sul “e mona io…” ho troppo riso!! 🙂 era da tantissimo che non lo sentivo!!!!

  2. ilsonnambulo ha detto:

    Le taglie oggigiorno sono false, te lo dico io: vendo certe giacche moda tg.52 che in teoria dovrebbero andar bene a uomini con una certa costituzione , insomma sugli 85 kg e più e quasi vanno bene a me che normalmente porto una 48!!
    C’è da fidarsi??😥

  3. Perennemente Sloggata ha detto:

    Franci: grazie 🙂 tu non strapazzarti troppo, c’è la piccola Caterina cui pensare 🙂
    Sonny: appunto. lo sostengo da anni ma la gente mi rispondevo che ero ingrassata. cosa che, ora come ora, è pure vera ma all’epoca no! e la cosa sconcertante è che nel 2000 avevo comprato una felpa blu della gas taglia M, credo sia un modello maschile. beh, recentemente la riempivo, ma ora ci sto comoda. che dire, è comunque una M, vorrei sapere a che taglia corrisponderebbe ora…
    ad ogni modo, resta il fatto che devo calare calare calare ancora. nei tempi e modi corretti, s’intende.

  4. Shunrei ha detto:

    Non parlarmi di vestiti! Proprio ieri mattina mi sono decisa a fare un lavoro che rimandavo da tempo… la cernita (almeno per la roba estiva) di quello che ancora mi va bene dopo la gravidanza e di quello in cui invece rientrerò chissà quando (e se quando, soprattutto). Ho riempito due scatole…
    E mi sono appunto capitati esilaranti episodi di maglie taglia “M” delle superiori (sì, ho roba che ha 15 e rotti anni che a volte ancora metto…) che posso ancora indossare, mentre altre acquistate più recentemente e sfoggianti una deprimente “XXL” sono “misteriosamente” strette…

    Parlando di taglie, comunque, tempo fa leggevo che la “mitica taglia 42” (che era quella della Monroe) a “misure” sarebbe la 48 di adesso…
    Solo che è rimasto sto mito della taglia perfetta che bisogna indossare, e nessuno si rende conto che per entrare in quella attuale servono tipo 10 kg in meno (o forse più) che 50 anni fa!

  5. Polly ha detto:

    sei una tosta, io l’ho sempre detto. basta leggere i post che riguardano le tue cose più intime, la mamma, la famiglia, le amicizie. viene sempre fuori una slog fondamentalmente buona ma con un carattere sempre più deciso, con le spalle forti e l’intelligenza per affrontare ogni circostanza. certo, l’amore tira dei gran colpi bassi, ma crescendo si impara anche a pararli meglio…o magari a restituire il giusto ;p

  6. ilgattosyl ha detto:

    oh bella….ho sentito parlare di stronzi e sornione ho drizzato le orecchie…stavolta però non ero io 😉

    PS: piccola nota maschilista….se parli di abbigliamento sei chiarissima….se parli di uomini sei più complicata….. 😉

  7. ilgattosyl ha detto:

    no no, non credere, era solo per dire che voi donne se parlate di abbigliamento avete le idee chiare, se parlate di uomini, magari le idee sono altrettanto chiare, ma ci impiegate il triplo a spiegarvi….(o più probabilmente sono io che non riesco a mantenere la concentrazione se leggo più di tre righe…..) 😉

  8. brum ha detto:

    Gli ex si rifanno vivi per un solo motivo: trovare una preda facile per le loro scorribande. Extramatrimoniali o non. Non per fare la parte della persona perbene… ma io non l’ho mai fatto. Le zuppe riscaldate non portano mai nulla di buono.

  9. Maurizio ha detto:

    ho capito sei una taglia 42 extrafiga solo che denunci una 52 per tenere lontani quell’orda di uomini che frequentano il blog…… ma non ci casco quand’è che non ci vediamo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...