You love my blog!

Dicono che ho vinto un premio perché il mio blogghino è amato.
In cosa consiste?
1) rispondere alle domande
2) girare il premio a 10 bloggher.

Voilà le mie risposte:

1) Qual’è la tua rivista di moda preferita?
Per me le riviste di moda potrebbero anche venir bruciate, la loro utilità a mio modestissimo parere è forse inferiore a quelle maschili tipo Men’s Health. Se proprio devo fare un nome di rivista femminile, forse Vanity Fair può essere tollerabile.

2) Chi è il tuo cantante/band preferito/a?
Oddio, non ne ho uno in particolare, me ne piacciono tanti. Tendenzialmente gli anni ’60 italiani e il pop-rock straniero.

3) Chi è la tua Youtube guru preferita?
Nessuna in particolare, capito ogni tanto sul canale di Clio MakeUp e di Willwoosh (Guglielmo Scilla, quello di A tu per Gu che però non seguo su Radio Deejay)

4) Qual’è il tuo prodotto makeup preferito?
Di certo non le creme. Burro cacao va bene? No? Ok, allora fondotinta e mascara.

5) Dove ti piacerebbe vivere?
In una tipica cittadina tedesca come Augsburg o Ratingen. Ma anche Würzburg, per dire. Altrimenti, una cittadina media americana.

6) Qual’è il tuo film preferito?
Uh, ne ho una serie: “Le 12 fatiche di Asterix”, “Robin Hood, principe dei ladri” (Kevin Costner), “Il ritmo del successo”,  “Nirvana” (di Gabriele Salvatores con Diego Abatantuono, Christopher Lambert, Stefania Rocca, Claudio Bisio, Sergio Rubini e addirittura Valerio Staffelli), i due “Dirty Dancing”.

7) Quante paia di scarpe possiedi?
Mumble… di scarpe nemmeno tantissime, solo che uso sempre le solite. Le uniche che sfinisco sono le scarpe da ginnastica, che per me sono sacre (con grande inorridimento di alcune amiche). Però posso vantare una collezione di sandali e infradito notevoli, soprattutto grazie al numero piuttosto elevato di Birkenstock presenti nella mia nuova scarpiera. Diciamo che tendo al comodo.

8) Qual’è il tuo colore preferito?
Giallo. Ma non lo metterei mai addosso. Invece indosso molto nero, lilla e vinaccia, una volta andavo tanto con color carta da zucchero e azzurro pastello (non mi piace molto il turchese). In cucina ho tante cose in arancio.

Dovrei nominare 10 Bloggher ma so già che o sono già stati nominati o non proseguiranno la catena. Per cui: tutti i miei amici di Blog sono nominati. Assolutamente.

(Intanto la nominata Francimakeup ha risposto qui)

Advertisements

16 pensieri su “You love my blog!

  1. brum ha detto:

    Abbiamo qualcosa in comune: la tendenza a mettere sempre le solite scarpe… anche se ne abbiamo altre, ovviamente.

  2. Polly ha detto:

    no scusa io vorrei spezzare una lancia in faveroe di Men’s Healt e di qualsiasi altra rivista cosiddetta “maschile”.
    In primis, per un uomo leggere quelle riviste è chiaramente il primo step per uscire dall’ombra e dichiarare apertamente la propria omosessualità, visti gli gnocchi a torso nudo che ne popolano le pagine e i suggerimenti tipicamente gay-friendly (alimentazione, depilazione, creme antirughe e co.) e questo mi sembra un ottimo servizio sociale, meglio dello psicologo. Non lo dico per avallare l’ipotesi che “l’omo ha da puzzà” o che solo il maschio gay si cura del porprio corpo – intramontabili clichè – ma perchè VERAMENTE tra tutti gli amici maschi che ho, solo quelli gay si intrattengono volentieri su argomenti di questa foggia.
    In secondo luogo, no dico: ma avete mai letto i suggerimenti su “come cuccare in discoteca” o “come far colpo su una donna” o “come avere successo”? Dai ragazzi, sono di terribilmente spassosi. Men’s healt è il “cioè” degli ultratrentenni di oggi. Una collezione di luoghi comuni, leggende metropolitane e detti da bar che imbarazzerebbe anche il peggior coatto palestrato di strada. Roba che in confronto, le domande dei giornalini preadolescenziali (tipo “ho dato un bacio al mio ragazzo: sarò incinta?”) sono quasi al pari di Focus. Insomma, roba da medioevo, non puoi pensare che siano cose scritte seriamente.
    Piuttosto, penso che la redazione sia formata da donne in vena di goliardie o da uomini molto furbi che si divertono un sacco a scrivere minchiate (e vengono PAGATI per questo) mentre giocano a ping pong con una rete portatile sulle scrivanie dell’ufficio. Praticamente, il mio lavoro perfetto.
    Eclatante.
    Geniale!

  3. SyS ha detto:

    anch io infradito a gogo!!! e le scarpe da ginnastica sono un must!!! 🙂
    ah che bello… mi sento meno sola! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...