Biochetasi, fermenti lattici e crocifissi

Non so se siano state le polpettine della mensa di ieri o se il freddo nei corridoi e tutti gli sbalzi di temperatura in CdM (probabilmente l’insieme), ma da ieri sono tutta scombussolata. Per cui stamani andando in ritardo al lavoro, mi sono fermata per la tappa “shopping in farmacia”.
Speriamo in bene. Comunque sia, oggi si va di Biochetasi, fermenti lattici, (se non si può fare a meno, Imodium),  e pasta in bianco.

Sarò impopolare in mezzo a tanti ferventi anticlericali ed anticattolici ed antiqualsiasicosa, ma a me una casa, cioè preciso: la MIA casa, senza un crocifisso pare incompleta. Non mi sa di casa, non mi sa di protetta.
In più Supeimonti è un paese di artigiani del legno e della sacralità (uno dei Presepi del Vaticano è stato regalato da Supeimonti, dall’associazione dei presepi che è davvero degna di nota: ha presepi antichissimi, oltre che belli, particolari ed originali)  e quindi ha qualche negozio di qualche artista locale.
Lì ho visto gran bei crocifissi ma santaciotola quanto costano! E quindi mamma ha provato a regalarmene uno di casa ma io le ho detto che ne vorrei uno semplice di legno. E che piuttosto, invece di farmi regalare i soldini dal nonno, potrebbe regalarmi un crocifisso, così è contento pure lui.
Salto nel tempo.
Ho mandato una gattolina di Natale anche ai nonni e il nonno (91 anni), che butta via tutto perché bisogna avere ordine in casa (meno male che non conosce casa mia), spiegava alla nonna (che con la testa non c’è sempre) che questa va tenuta perché sopra ci sono i miei gatti. E, infine, la prossima volta che torno su, il nonno mi porta a prendere il mio crocifisso.
Grande nonno!!

Annunci

12 pensieri su “Biochetasi, fermenti lattici e crocifissi

  1. Sgiusgiola ha detto:

    Sono d’accordo con te x quanto riguarda il crocefisso…io ne ho uno che per me è stupendo, me l’ha regalato mio zio che è prete e non voglio nemmeno immaginare quanto sia costato,ma mi piace da matti!

    Ps tuo nonno è troppo simpatico!

  2. tigli ha detto:

    i nonni, che bella invenzione! dai dai, vai a prendere il tuo crocefisso che comunque è un regalo dei nonni e avrà sempre un importantissimo valore nella tua casa, aldilà di ogni altro significato!
    ciao, tigli

  3. Renata ha detto:

    anch’io ne ho uno, portato da una conoscente da Gerusalemme, con dei piccoli occhielli vuoti alle punte che racchiudono un po’ di terra, un po’ di un sasso, un po’ di verde ed un po’ d’acqua, fatto in olivo della terra di Getsemani!
    bellissimi i crocifissi dei montanari e come profumano!
    un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...