Aiazzone: tra callcenter e logistica

(PreScriptum: anche oggi Sushi-Party coi colleghi. Dio benedica il trasporto a “domicilio”)

Siccome che io non mollo questa storia, siccome che il punto vendita è chiuso il lunedì mattina, siccome che avranno incubi di me come noi al lavoro ce li abbiamo per alcuni nostri utOnti,

ho richiamato il callcenter Panmedia.

Vi ricordo che:
la consegna poteva essere – secondo i miei calcoli – attorno al 19 novembre (ma poi vi dirò una chicchissima in merito), mi era stato detto entro fine dicembre, poi siamo passati a entro fine gennaio, poi ancora un generico a febbraio, ora siamo approdati ad un da febbraio in poi. Io sono onestamente basita. Non sapevo più che ribattere alla ragazza (mi sa che rispondono da Napoli o dintorni) anche se perlomeno lei mi ha detto che le risulta il letto consegnato e che mancano gli altri due pezzi.
Segnala che vede che il fornitore ha consegnato al magazzino parte dell’ordine. Non potevo non chiedere “quindi un’anta, due ripiani e qualche chiodo?” ma lei corregge il tiro spiegando che si parla di tutti gli ordini fatti a quel rifornitore, che Torino (sede della Panmedia) gestisce tutto, che lei non ha visione più specifica e di non contattare il punto vendita perché tanti punti vendita sono chiusi per ristrutturazione. Io, onestamente, ne dubito QUI.
Anzi, vi dirò di più: ieri sera l’uomo ed io abbiamo fatto un salto al MercatoneUno. Sarà una mia impressione, ma mi pareva di vedere tutta una serie di oggetti che prima erano da Aiazzone. Ho come il sospetto che siano migrati con cambio etichetta…
Perché, ne sono quasi convinta, Aiazzone&EmmeLunga ha gli stessi rifornitori di MercatoneUno e Conforama (ex EmmeZeta).

Ad ogni modo, è evidente che questi callcenter “associati” (così l’ha definito la signorina), non hanno molta visione degli ordini. Insomma, Aiazzone-Panmedia sta facendo una figura sempre più pessima anche dal lato semplice organizzativo. Un callcenter così NON serve ad un piffero.

Infatti, ho chiamato la LOGISTICA. Ovvero quelli che ti chiamano per l’appuntamento per la consegna e il montaggio dei mobili.

Il tipo mi ha dato il loro numero di ordine (così la prossima volta ci mette – giustamente – meno a cercare) e mi ha spiegato che ecco la chicchissima di cui vi parlavo il mio ordine non lo vede ancora, anche se inizialmente dovevano consegnarglielo UDITE UDITE l’8 novembre 2010!

Il tipo ha capito la situazione, gli ho chiesto se posso contattare direttamente loro anziché il callcenter Panmedia, visto che non sanno mai nulla. Gentilissimo, ha detto che non ci sono problemi.

A questo punto, traslochiamo. Scatoloni come poggiarobe, gatti per ultimi, devo trovare qualche sostanza per tenerli calmi (i feromoni mi sa che non facciano molto). E Dio ce la mandi buona!
(Addirittura Fastweb s’è comportata bene e ci stanno spostando oggi la linea!)

Accettasi suggerimenti, preghiere propiziatorie, ecc.

6 pensieri su “Aiazzone: tra callcenter e logistica

  1. Shunrei ha detto:

    Consolazione da niente: questo callcenter di Panmedia è inutile quanto tutti gli altri con cui ho avuto esperienza finora (insomma: ci saranno di sicuro dei callcenter efficienti, non ho dubbi. E’ solo che io non ne ho ancora trovati!)… 😦
    Consolazione da “un pochino di più”: dita incrociate anche qua, e quando torno a casa incrocio pure le code alle bestiacce (sai mai) perchè da ora in poi vi proceda tutto per il verso. 🙂

  2. Sgiusgiola ha detto:

    dai che forse avete trovato qualcuno di disponibile e gentile, ma che soprattutto vi può aiutare sul serio!! ve lo auguro davvero!

    comunque son tutti bravi a sbolognarsi la “patata bollente” gli uni con gli altri!!
    tra le mille date che ti hanno dato c’è da farsi venire il mal di testa!!!

    ovviamente incrocio le dita pure io! 🙂

  3. Perennemente Sloggata ha detto:

    tesora, alcuni callcenter o meglio operatori potenzialmente efficienti non vengono messi nelle condizioni di lavorare come dovrebbero. e te lo dico da addetta ai lavori 😦 io odio i callcenter eppure lavoro in un helpdesk.
    tanti bacini svergognati alle belve 🙂

  4. Perennemente Sloggata ha detto:

    non dipende da lui.
    la collega dell’uomo è andata in negozio per pattuire un cambio: le smontano alcune cose e lei si porta via quelle. ma lei è in una situazione diversa.
    io non so più che fare: sto per pagare la terza rata del prestito che di fatto non copre ancora nemmeno il letto. non posso interrompere la rid dal conto. insomma, non posso far altro che pagare ed attendere che mi portino qualcosa. io sono disperata. intanto facciamo e portiamo via scatoloni, che ci faranno da mobili…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...