Socmaker delle alpi, in trasferta!

Dopo due settimane, o forse tre? Vi riporto qui il post che avevo cominciato a scrivere all’epoca. Poi tra lavoro e contingenza quotidiana, non sono più riuscita materialmente ma soprattutto mentalmente ad aggiornarvi.

Il titolo dovrebbe essere più lungo perché vorrei dare vagamente l’idea del week-end speciale che ho trascorso…
 
Allora, innanzitutto, venerdì mattina presto sono partita ricordando all’ultimo la borsa dei regali (motivo fondamentale della mia partenza). Pioggia o pioggerellina, diciamo che non sono stata proprio-proprio ligia al “buon viaggio, vai piano, mi raccomando”, ma non ditelo in giro!

Il giovedì al volo ho pensato di fare una “piccola deviazione” passando per Vigevano per pranzare con un’amica e prendere un caffè con un’altra amica.
Per cui venerdì, ottima pizza vicino alla piazza del palazzo ducale con la mamma bipede di un’amicane di Tami&Spuntì, nonché traduttrice e punto di confronto quotidiano online. Ovviamente i vari pelosi hanno sfruttato biecamente noi bipedi per scambiarsi piccoli doni:
– la signorina Arturina ha scelto 3 bustine di cibo apprezzatissimo e due topolini-gioco con la coda di piume colorate. (Tami ha fatto finta di snobbare il suo, ma ha fatto evoluzioni strepitose! Lui che è spesso un po’ snob e posato… Spuntì ovviamente ha prediletto il cibo, di primo impatto. Le evoluzioni future, le prevedo -confermo: Tami è feMicissimo del gioco!-)
– i due signori invece hanno scelto un bastoncino per i denti sfiziosissimo e una scarpina gioco. Mi segnalano esser stati apprezzatissimi.
Ovviamente abbiamo colto l’occasione per scambiarci un presentino anche tra bipedi!
Un brevissimo caffè è stato l’occasione di fare la conoscenza reale di un’altra pupa e del suo compagno. Troppo breve ma irrinunciabile.

In confidenza: che la guida in tangenziale a Milano fosse particolare, lo immaginavo. Ma andando verso Vigevano ho trovato dei pazzi incoscienti da prendere a ombrellate.

Il week-end è trascorso un po’ sotto la pioggia in compagnia di collegamica, del suo compagno e della loro spettacolare piccola sapiente. Senza dimenticare i gatti da me soprannominati “swiffer&duster” in passato e l’attuale invasora.
Mi sono goduta il tempo passato con una famiglia in continua crescita e scoperta, tra confidenze e confronti. Non so rendere l’idea, ma è stato proprio un bel week-end.

Unica nota negativa: sapere il sabato pomeriggio che la domenica sera (al mio ritorno) ci sarebbe stata una cena tra colleghi altrui. Non c’è stato modo di far spostare ad altra data: la domenica sera sarei stata ovviamente stanca, molto stanca, e pure con un po’ di mal di testa. Ma niente, ormai avevano già organizzato tutto da venerdì.
Quindi sono tornata a casa, mi sono fatta gli affari miei, sono stata in bagno più di un’ora tra docce, scrub, peeling ecc. E coooooooooon calma, sono andata in sala con tutti presenti.
Se gli altri non hanno riguardo per la mia stanchezza, io non vedo perché devo aver riguardo per l’ospitalità: non erano ospiti miei, non ho mosso un solo dito.
(stavolta proprio ero scocciata, solitamente sono ospitale)

Annunci

10 pensieri su “Socmaker delle alpi, in trasferta!

  1. Betta ha detto:

    La tangenziale di Milano è uno dei luoghi più pericolosi dove mi sia capitato di guidare, ma guarda che quella di Brescia è peggio…
    La tua presenza ci ha fatto molto piacere, soprattutto alla piccola sapiente che ha tanto apprezzato i regali da avere ogni tanto delle crisi di muggiti 😉

  2. Perennemente Sloggata ha detto:

    Mi ero dimenticata di scrivere dei Duplo!! MUU BEE CLOPPETE MIAU BAU ❤ Spettacolo di bimba

  3. Betta ha detto:

    Dimentichi la bestia che non abbiamo capito cosa sia, e che ormai si chiama djudju (battezzato dalla bimba, non si può dire nulla!)

  4. titinina ha detto:

    gnè gnè gnè sei andata da J senza dire niente mentre io abito a milano! posso mettere il broncio?! :((((

    a parte gli scherzi…. si capisco il primo impatto con la tangenziale di Milano da sempre il suo bel da fare, fortunatamente io ho imparato lì a guidare (ergo se uno di quei pazzi che hai incontrato era una panda che sfrecciava a 120 ero io….)

    baci

    titinina

  5. Perennemente Sloggata ha detto:

    Titinina, purtroppo non avevo molto tempo nemmeno per i miei ospiti :-(( ho deciso la sera prima di fare la deviazione. Per vedervi tutte mi occorrerebbe una settimana 😀

  6. Betta ha detto:

    Terrò a mente di non maledire le Panda che sfrecciano a 120 all’ora in tangenziale (ricordo che, almeno sulla tang. ovest, c’è il limite dei 90 :-)), solo per amicizie in comune…

  7. Perennemente Sloggata ha detto:

    Djudju è già nel mio cuore 😀 la piccola sapiente ne sa a pacchi!! Quando venite?

  8. Titinina ha detto:

    @betta:
    eh si lo so che sulla ovest c’è il limite di 90… ma la panda tira da sola (giuro lo faccio quando in strada c’è poco traffico, si lo so non è una scusa ma il ritardo è ritardo…) :S

    @perennemente: si si lo so lo so, anche se prima o poi con qualche miracolo dovremmo fare una bell’incontro tutti insieme!!! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...