Tenerezza e kebab

Anche oggi abbiamo fatto il “Kebab Party del venerdì” chiamando il nostro kebabbaro che non si presenta mai (immaginatevi un helpdesk che chiama dicendo “scusi, è il kebab?”), facendogli 9 ordinazioni di cui solo 2 uguali e ringraziandolo per la disponibilità gli ho detto che “diventerà un santo”, nell’ilarità generale…

A Mari&Monti, c’è da dire, che i kebabbari sono in genere kurdi e quindi dai, è una battuta di spirito accolta col sorriso e non con offesa. (Anche perché ogni qualche venerdì gli lasciamo 30-50 euro in Kebab, parliamone!)

Per cui solitamente il tipo mi porta fuori da CdM, in Piazzale Fondatore, i kebab subito quando comincio la pausa pranzo, torno dentro e distribuisco i pani tra i vari uffici (abbiamo colonizzato anche altri piani hehehe, piccola nota: qualche responsabile non gradisce il profumo di cipolla… ma d’altronde è venerdì e gli assicuratori fanno mezza giornata…).

Oggi rientrando nel grande atrio di CdM c’erano tante persone che stavano preparando la festa per i figli dei dipendenti (non ho capito però se solo dei dipendenti di CdM o anche di noi sfigati esterni).

Curiose come pochi, colleghe ed io siamo andate a sbirciare dal soppalco (il primo piano ha una sorta di poggiolo-corridoio che si affaccia sull’atrio): vedere tutto l’allestimento carino con bimbi, genitori, intrattenitori, pasta di sale colorata, gelato, trucchi per dipingere i volti, palle e palline, faceva davvero sorridere il cuore.

E siamo rientrate alleggerite, tanto più che oggi splende il sole.

Annunci

6 pensieri su “Tenerezza e kebab

  1. Sabrina ha detto:

    i venditori di kebab sono sempre molto disponibili e ben disposti alle battute
    qui ce ne sono tre tutti molto carini, uno una volta è venuto anche dove avevamo organizzato una cena, portando tutto l’occorrente e preparandoci i panini al momento : quaranta, mica uno!!!
    e poi è stato a cena con noi, davvero carino!

  2. Perennemente Sloggata ha detto:

    E per fortuna c’è gente così!! Non dovuto però è bello che ci siano queste situazioni. Si tratta di mostrare rispetto reciproco e riconoscimento delle diversità da ambo le parti 🙂

  3. Perennemente Sloggata ha detto:

    Innanzitutto benvenuta!
    Poi… per me il vegetarianesimo è impossibile: già non riesco a stare a dieta, figuriamoci seguire un menu vegetariano… Mancanza di buona volontà, l’ammetto, ma anche irrinunciabiiltà verso Kebab et sim.

  4. Betta ha detto:

    Le feste per i figli sono solo per i figli dei dipendenti, in genere, mentre i consulenti possono portarseli nella sede dell’azienda da cui legalmente dipendono; difatti qui c’è stato il commento: “Bello, posso portare la piccola sapiente nella sede della mia azienda, che non so nemmeno bene dove si trovi, e dirle: guarda, il papà NON lavora qui”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...