Fanno piacere #1

Chiacchieravo con un collega, parlando dell’avventura con Azzurra e mi ha colpita per il suo attestato di stima. Sarà che mia madre si faceva viaggi notturni anche sotto la neve, in caso di corsi o necessità, e quindi sono più o meno vaccinata a certe cose, però in effetti forse forse un “pat-pat” sulla spalla me lo posso fare.
Seguendo il ragionamento del collega, posso riassumere così:

  • non guido quasi mai (non perché non mi piaccia, anzi! Ma senza un mezzo…)
  • l’ultima volta che ho guidato io per un viaggio “lungo”, è stato a maggio, facendo un giorno Supeimonti – PerlaTermale (86 km circa ) e un altro Supeimonti – Mari&Monti (280 km circa, di cui metà montani) con auto non mia
  • le poche volte che guidavo, erano auto non mie e che conosco poco (tranne l’auto di mamma)
  • ho preso in mano un’auto per me completamente nuova, collaudata in montagna, e l’ho trascinata in autostrada.
  • ho preso un’auto “nuova”, l’ho guidata sopra la neve mentre ancora nevicava, ho fatto un passo dolomitico sotto la neve
  • ho fatto sotto la pioggia l’autostrada
  • ho cercato pure parcheggio.

A me non pare chissà cosa, eccezion fatta per la neve, se vogliamo, però… comunque, brava!

Ballar la samba con 4 ruote a 2000 m s.l.m.

Sabato sono tornata a Supeimonti per l’ultima volta (si spera) in treno, per recuperare la Slog-Mobile (AZZURRA!! Cioè, azzura verdognola, boh).

Allora. OVVIAMENTE ieri nevicava.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Salendo verso il Passo (un po’ più di 1900 metri sul livello del mare), la strada risultava ancora pulita: la neve non aveva ancora attaccato ma scendendo dal Passo in giù, la neve era già depositata, gli spazzaneve non erano ancora in funzione (credo stessero salendo dalla parte opposta). Per cui mi sono “divertita” a ballare la samba con la Slog-Mobile a passo d’uomo.
Arrivata ai piedi delle montagne, ho recuperato un paio di ragazzi di Blablacar e abbiamo imboccato l’autostrada sotto la pioggi. La variabile era da più a meno battente fino a Mari&Monti.

Ma tutto questo non mi ha scomposta molto. Quello che mi ha mandata fuori dalle grazie di Nostro Signore, ovviamente, è stata la ricerca del parcheggio: mi ero calcolata tempistiche e tutto per trovare un posto vicino a casa. E invece non ho fatto i conti col meteo, e infatti di posti… Diciamo che dopo un lungo peregrinare, l’ho lasciato con tanta devozione alla Chiesa vicina, di fronte, su un incrocio piccolo, in maniera fantasiosamente regolare (ho aspettato che transitassero delle auto, per vedere il livello di ingombro). Mettiamola così.
Ovviamente, tra la novità, tra la sensazione di samba, il nervoso da parcheggio, stanotte ho dormito poco e male, ma alle 7.31 ero fuori casa, pronta al piano d’attacco:

  • lagggente va al lavoro in auto: troverò un posto sotto casa. Tanto più che PIOVE. Non possono non andare senza auto;
  • se non trovo posto, vado al lavoro in auto, lì sicuro trovo parcheggio e… lascio Azzurra lì fino a venerdì.

Uscita dal portone, noto che la Smart non c’è più e quindi posso infilarmi (se nessuno mi ruba il posto prima) al suo posto, a spina di pesce (yesssss!!).
Sgambetto verso l’incrocio dietro i caseggiati, non c’è nessuno in giro, retro fantasiosa ed imbocco la via che mi porta subito a quella di casa. E’ FATTA!!

Preso il bus e arrivata al lavoro.

Marò, che ansia! Ancora sto cercando di smaltirla.

Paura del terrore. Caviglie ma peur.

Per le caviglie / i piedi prendo un integratore per 2 mesi, 1 di stop, 2 mesi, 1 di stop e così via. non ho ancora finito la prima settimana di stop e ricomincio a sentire tirare e far male entrambe le caviglie. Di peggio c’è solo il cambio del tempo per il quale, pastiglie o meno, mi fa talmente male che fatico a camminare. Al di là del dolore, col quale ci convivo senza tante storie, mi spaventa la sensazione di terrore “oddio, e se ora mi cedono? È solo una sensazione o mi stanno cedendo?”. Spero che mano a mano che proseguo con la terapia, vada meglio. L’ortopedico diceva che se dopo un anno le risonanze magnetiche mostrano una situazione stabile, devo esser contenta di prendere ‘sti integratori ad interim.
È tutto normale, vero?

(Mi ricorda un post che penso di aver scritto un anno e mezzo fa, dopo la doppia carambola di caviglie, in cui dicevo scocciata che scendevo le scale attaccata allo scorrimano e guai a farmi spostare.)

Intanto son 3 settimane che ho ordinato le cavigliere alla più grossa sanitaria della città e forse sanno che fine ha fatto l’ordine: dovrebbe arrivare martedì.

TAG: WOULD YOU RATHER? -COSA PREFERIRESTI?

Per pigrizia, sfrutto la foto de La Dama con il Cappello del blog Racconti dal Passato visto che il tag non ne aveva uno proprio, rispondo alla nomination di Franci di Trucco senza inganno e provo a fare questo tag.

Io vorrei sapere chi se l’è inventato, perché sono davvero domande assurde.

Le regole per partecipare sono sempre uguali ovvero ringraziare chi ci ha taggati, rispondere alle domande e taggare a nostra volta. Io taggo tutti senza obbligar nessuno… (vigliacchina…)

Passiamo alle domande:

✻ Preferiresti perdere tutti i tuoi mascara, eyeliner, rossetti e lucidalabbra oppure tutte le palette e gli ombretti?

Non toccatemi i mascara, per il resto fate quel che vi pare!

✻ Preferiresti rasarti i capelli o non poterli tagliare mai più?

Non so. Rasarmi i capelli significa che poi possono ricrescere… Non poterli tagliare mai più… sarebbe piuttosto curioso: mi crescono velocemente!

✻ Preferiresti avere delle guance color corallo o rosa?

Malva mi è concesso? Se no, corallo.

✻ Se avessi 1000$ da spendere li useresti per i vestiti o per il make up?

Vestiti, credo.

✻ Preferiresti usare il rossetto come eyeliner o l’eyeliner come rossetto?

Odio l’eyeliner, a me basta un pennellino sottile, un ombretto e qualche goccia d’acqua. Ma l’idea di usare il rossetto come eyeliner… è perversa! Preferisco usare l’eyeliner come rossetto, piuttosto.

✻ Preferiresti comprare solo da Mac o solo da Sephora?

Non esiste altra profumeria al di fuori di Sephora. Mac non l’ho mai provata ma è solo make-up, mentre Sephora ti sistema dalla radice dei capelli alla punta dei piedi.

✻ Preferiresti utilizzare per il resto della tua vita un solo colore di ombretto o un solo rossetto?

Rossetto. Ho dei begli occhi e penso che potrei valorizzarli meglio con più colori, anche se a me bastano pochi colori (uso solo 2 palette, di fatto).

✻ Preferiresti indossare vestiti invernali d’estate o vestiti estivi d’inverno?

Ma che domanda è?? La mia risposta è easy: vestiti estivi d’inverno per un solo e semplice motivo. Io vesto a strati.

✻ Preferiresti avere per tutto l’anno unghie scure o unghie brillanti?

Brillanti, delle belle mani sono facilmente valorizzabili anche con colori chiari e si abbinano bene a tutto.

✻ Preferiresti rinunciare al tuo prodotto per labbra preferito o al tuo prodotto occhi preferito?

Al prodotto labbra, of course

✻ Preferiresti essere in grado di legare i capelli solamente con una coda o con un chignon scompigliato?

Mmm… diciamo chignon scompigliato.

✻ Preferiresti non essere in grado di metterti più lo smalto o non usare mai più un lipgloss?

Lo smalto. Non ne vado pazza e mi sfalda le unghie già di per sé particolari.

✻ Preferiresti rasare del tutto le tue sopracciglia o doverle disegnare con un pennarello tutti i giorni?

Mi rifiuto di rispondere ad una domanda simile.

✻ Preferiresti vivere senza make up o senza smalto?

Senza smalto sempre e comunque.

Ma tu guarda… Io faccio gran complimentoni a Francesca e lei mi tagga in un post simile… Ahahahah

Forza, a voi!

30 Beauty Questions Tag

Ok, lo so, a periodi non mi faccio viva e poi torno con millemila post…

Mi sono fatta praticamente taggare da Franci di Trucco… senza inganno, uno dei miei blog makeupposi preferiti (in realtà è il mio preferito: scrive cose interessanti, circostanziate, motivate e in ottimo italiano – basta solo questo per farmi restare o scappare, già lo sapete) e ho anche lasciato alcune delle sue risposte.
I pochi prodotti specifici che cito, li vedrete in fondo al post. Più avanti li recensirò.
Cominciamo:

  1. Qual è stato il tuo primo prodotto make-up?
Ombretto bianco e rossetto tortora argentato

Ombretto bianco e rossetto tortora argentato

Che mi sono comprata da sola? Credo una crema colorata curativa consigliata dalla dermatologa, ma era orribile nei miei ricordi. Altrimenti giocavo con i pochi trucchi di mamma. Aveva, tra le altre cose, una confezione grande bianca con tantissimi mini rossetti di tutti i colori (il mio preferito era il viola) che poi è stata adibita a portascarpe delle Barbie (ce l’abbiamo ancora nella ex stanza di mia sorella). Credo fosse di Avon, ma potrei sbagliarmi. Devo guardare, la prossima volta che torno a casa. Uno dei miei primi acquisti, credo fosse il 1997 ad Augsburg, una matita bianca, un mascara nero, un ombretto bianco ed un rossetto color boh… taupe (o tortora) shimmer o come si chiama. (qualcuno può spiegarmi i vari modi di dire? Shimmer, glitter, glow, ecc., per favore?) Questi prodotti erano della Nivea e me ne sono rimasti solo 2, di cui vi ho parlato in un post di dicembre 2012 (cavolo, ma davvero ne ho parlato già/ben 3 anni fa??)

 

  1. Qual è il tuo mascara ideale? Ne hai trovato uno che soddisfa le tue aspettative?

Uno che dia valore alle mie già belle ciglia. Scusate l’immodestia ma fin da sempre mi dicono che ho belle ciglia lunghe (anche se una delle mie colleghe le ha più lunghe) e discretamente folte. Per cui direi che i miei mascara (ho in canna un post di aggiornamento da mesi, sui miei mascara) hanno, in genere, lo scovolino cicciottoso oppure, raramente in elastomero (si dice elastomero? Lo sento spesso da Giulia Cova, peraltro lei è una vera makeup artist di professione).

  1. Il tuo fondotinta che tipo di coprenza deve avere?

Copio direttamente da Francesca di Trucco senza inganno: “Direi una coprenza media, non amo l’ effetto cerone anche perché mi sembra invecchi.” Anche qui, ho un post in canna da tempo ma poi guardo lo schermo e… “mo’ che scrivo??”

  1. Brand High End preferito?

Oddio, considerando che non ho molti prodotti di fascia alta… Potrei dire Estée Lauder. O Lancôme.

  1. Qual è il brand cosmetico che hai sempre voluto provare e non hai ancora provato?

Chanel e Dior.

  1. Brand Low cost preferito?

Essence. Ho un pregiudizio infinito per Bottega Verde come marca, per Yves Rocher per i cosmetici (gli altri prodotti li trovo interessanti), per Kiko (e non so dire perché).

  1. Indossi le ciglia finte?

No, non le indosserei nemmeno. 1. Perché sono già belle le mie, 2. Perché non avrei occasione di usarle, 3. Perché credo che mi darebbero fastidio e non le sopporterei.

  1. Qual è il prodotto cosmetico/beauty con il quale non esci mai di casa senza averlo indossato?

Oddio… Fondotinta o BB Cream, e forse mascara.

  1. Qual è il prodotto beauty che ami di più?

Mascara tutta la vita.

  1. Quanto spesso acquisti prodotti il make-up? Acquisti un po’ alla volta o tutto insieme?

In genere quando finisco i prodotti. Poche volte l’anno ma… in genere Sephora mi vuole bene.

  1. Hai un budget o spendi in libertà?

Non ho un budget anche se è chiaro che non spenderei 15 euro per un ombretto, anche se per un buon mascara… Diciamo che, come ogni acquisto, se la qualità merita quel prezzo, se me lo posso permettere, lo prendo. Ovvio, 50 euro per un mascara no, 30 solo se è in cofanetto con altri prodotti, 20 da solo… ci penso, ma si può fare.

  1. Utilizzi i buoni sconto o i coupon quanto acquisti il make-up?

Io vado da Sephora sempre quando ho sconti. E mi vogliono comunque bene.

  1. Qual è il tipo di prodotto che acquisti maggiormente? 

Ciglia finte, ovviamente! Scheeerzavo! Mascara, che dite? (oltre a correttore e fondotinta, per ovvii motivi)

  1. C’è un brand che proprio non sopporti?

Ho un pregiudizio contro Kiko. E non capisco perché. Non mi piace granché BottegaVerde. Tuttavia mi stanno infastidendo quelle aziende che mandano pacchi interi di roba a presunte beauty-guru che 1. Non sanno nemmeno da che parte sono voltate, 2. Non fanno recensioni (e se le fanno, non oneste intellettualmente), e 3. Fatemi stare zitta che mi ci arrabbio, eh! (non volevo dire che mi ci incatso proprio, scusate)

  1. Cerchi di evitare prodotti che contengono parabeni e solfati?

Cerco di stare attenta ma senza che ne diventi un’ossessione. Tipo l’ortoressia (cibo).

  1. Qual è il tuo posto preferito per acquistare il make-up?

Sephora del centro commerciale: ci ho lavorato qualche mese e ho un ottimo rapporto con la responsabile che sa consigliarmi sempre al meglio.

  1. Ami provare nuovi prodotti skincare o ti affidi alla solita routine?

Condivido abbastanza Francesca, anche se non mi faccio tirare troppo: “Mi piace cambiare, sono curiosa e mi faccio tirare.”

  1. Marca preferita per i prodotti corpo?

Non amo i prodotti corpo. Posso dire che li detesto? Al massimo uso le creme mani, ma devo trovarne una decente.

  1. Se potessi acquistare da un unico brand, quale sarebbe?

Credo che potrebbe essere Lancôme (high cost). O Essence (slow cost).

  1. Qual è secondo te il brand che ha il packaging migliore?

Mi piacciono Benefit per originalità, Dior / Lancôme per eleganza.

  1. Qual è la celebrity che secondo te ha il make-up più curato?

Stavo per dirlo io ma anche qui Franci mi ha preceduta: “Emma Stone, mi piace tantissimo e trovo sia sempre ben truccata.” Aggiungerei anche Monica Bellucci.

  1. Fai parte di qualche community online?

No, non amo le community di beauty. Preferisco seguire qualche blog (v. soprattutto Franci – ovviamente – e Jesslan, menzionerei anche Cookie Beauty) e qualche youtuber (v. soprattutto Selvaggia, Giulia Cova e ClioMakeUp e il suo canale di recensioni) per le recensioni dei prodotti.

  1. Beauty Gurus preferite?

In effetti nemmeno io, come Franci: “Non ne ho una preferita in particolare, prendo spunto un po’ qua e un po’ là.” Ma in effetti quelle che seguo di più sono quelle citate sopra.

  1. Ti piacciono i prodotti versatili come ad esempio le tinte adatte alle labbra e alle guance?

No, nemmeno un po’.

  1. Come te la cavi con l’applicazione del make-up?

So come fare cose accettabili. Infatti uso più che altro colori neutri o non troppo carichi. Le matite occhi e labbra… mmm… no, non fanno per me. Preferisco usare un pennello sottile e usare un ombretto per farmi la riga. I rossetti carichi come i rossi… pasticcio. Smoky eye, lasciamo stare. Forse perché non mi ci vedo? In genere faccio trucchi carichi per sperimentare, quando faccio pulizie: tanto poi mi strucco per bene e vado in doccia.

  1. Usi il primer per il trucco occhi?

Non sopporto il primer: secondo me unge prima del tempo. Anche se non ne ho provati tanti, gradivo il troppo sottostimato LemonAid di Benefit. Ecco, lui andava bene soprattutto come correttore, più che come primer occhi.

  1. Quanti sono i prodotti per capelli che usi giornalmente?

Spazzola Tangle Teezer e elastico Invisibobble trasparente, entrambi meravigliosi nel non spezzare i capelli. Oppure, al massimo, un “ciappino” a forma di farfalla.

  1. Cosa applichi prima il correttore o il fondotinta?

Correttore, sempre.

  1. Hai mai preso in considerazione il fatto di frequentare un corso make-up?

Fatto, uno personalizzato. Anzi, uno anche da adolescente: regalo di mamma.

  1. Cosa ami del make-up?

Copre le imperfezioni e valorizza i pregi, senza snaturarmi.

Ecco i prodotti specifici cui mi riferivo:

Elastici Invisibobble: io ho uno viola e gli altri trasparenti. Fighissimi. (immagine presa dal web)

Elastici Invisibobble: io ho uno viola e gli altri trasparenti. Fighissimi. (immagine presa dal web)

LemonAid di Benefit

Lemon Aid – Benefit. Si tratta di un primer occhi, lo preferisco come correttore. Troppo sottovalutato (immagine presa dal web)

TangleTeezer classica

Tangle Teezer classica – districa delicatamente i capelli senza spezzarli, va bene anche coi capelli bagnati. Comoda impugnatura. (immagine presa dal web)

TangleTeezer Compact

Tangle Teezer Compact – io ho questa. Per il prezzo che ha, meglio la grande classica, se la usi a casa. Questa in borsetta, a mio avviso, è comunque ingombrante. (immagine presa dal web)