Recensioni: cosmetici Nivea

Ombretto bianco e rossetto tortora argentato

Ombretto bianco e rossetto tortora argentato

Vi mostro due reperti quasi archeologici (alcuni di quelli che ha mamma, sono effettivamente antichi… Se mi ricordo, prossimamente, li fotografo) che, ovviamente, non uso più ma che potenzialmente sono ancora scriventi e funzionanti. o.O
Sono un ombretto bianco ed un rossetto color tortora argentata della Nivea. Peccato che non abbia conservato il mascara e la matita bianca… Comunque sia, li presi ad Augsburg (Baviera) nell’anno scolastico 1997-1998, in uno dei loro super mega store di tutto e di più.
In Italia i trucchi della Nivea non li ho praticamente mai visti, tranne qualcosina-ina in un negozio Bipa (tipo Acqua&Sapone, Tigotà, ecc.) prima che diventasse Cad, l’anno scorso.
Mentre è riconoscibile un rossetto Nivea nella pubblicità di un suo deodorante, quella in cui lui suona, lei dice di esser pronta ma per far ritardare l’uomo, mette la scarpa in modo tale da impedire la chiusura della porta dell’ascensore. Ecco, mentre uno dei due si infila la camicia, blu se ricordo bene, si intravede il rossetto nel taschino. (Mi pare)

Ecco, questa era giusto una piccola anteprima. Ho in canna un post di confronto tra 4-5 mascara.

Struccanti occhi e acque micellari

Struccanti occhi e acque micellari

Come promesso a Francesca, ecco il post su struccanti e acque micellari. Ovvero, ciò che uso per struccarmi.
Nella foto manca questa:

perché semplicemente l’ho finita un bel po’ di mesi fa.

Spiegazione e recensione by Pinklipstick sull’acqua micellare (in questo caso di Sephora)

Innanzitutto, cliccate sulla foto qui sopra per sapere cos’è un’acqua micellare: Pinklipstick spiega bene e semplicemente di cosa si tratta. In soldoni, uno struccante delicato, anche se non è che strucchi tantissimo. (leggete il suo post che è scritto bene).

Cominciamo proprio dall’Acqua Micellare di Sephora: credo di averla pagata sui 7 euro, è una bottiglia con tappo a pompa (contiene 150 ml): ci appoggi su il dischetto, premi e voilà, il dischetto è bagnato. La profumazione non la ricordo, per cui presumo fosse gradevole o almeno accettabile. E’ abbastanza delicata ma, se ricordo bene, le ho preferito quella che ho acquistato dopo, ovvero l’Acqua Struccante Express di Dermolab (Deborah). Il prezzo non lo ricordo ma credo che costasse meno di quello di Sephora e contiene 200 ml. Di fatto è uno spray e quando lo spruzzi sul dischetto di cotone (amo molto quelli di Sephora, vedete nella foto, perché sono lisci da una parte e a righette dall’altra, soprattutto sono corposi e non carta velina) ha una profumazione quasi fiorita ma poco dopo resta totalmente neutra. Mi pare più delicata di quella di Sephora.
Nel regalo di compleanno c’era una pochette con dentro mascara e una mini-taglia di Acqua Micellare Detergente Struccante di Collistar da 50 ml che ha un’ottima profumazione fiorita, per nulla eccessiva. Non è uno spray né ha una pompetta, è una bottiglietta con un riduttore sopra, cosa che peraltro apprezzo perché, a mio avviso, a differenza degli altri due tipi di erogatore, si spreca meno prodotto. Devo dire che mi sembra meglio dell’acqua micellare di Dermolab – Deborah. Ma credo che il prezzo sia anche superiore: non conosco il prezzo di una taglia normale ma Collistar sicuro costa più di Deborah, perché la qualità in genere è migliore. (di 16,50 euro per 200ml e di 23,00 euro per 400ml, come ho riportato QUI)
Riassumendo, tra le tre acque micellari, la mia preferita sembra essere quella di Collistar, ma facendo un rapporto qualità-prezzo, secondo me Dermolab va benone. C’è da tener ben presente, però, che l’acqua micellare non è propriamente uno struccante, cioè io prima mi strucco gli occhi con un prodotto apposito (ne parlo tra poco) e poi mi strucco e detergo un po’ il viso con l’acqua micellare: ho voluto provare a struccarmi gli occhi ma c’è poco da fare, è troppo delicato per riuscire a togliere il trucco da lì, soprattutto il mascara.

Per struccarmi, finora ho usato degli struccanti occhi un po’ a caso, per cui non vi saprei dire del passato. Vi posso dire di questo ultimo anno.
Innanzitutto, differenziamo tra struccante, struccante waterproof e struccante bifasico: il primo lo si usa con trucco normale; il secondo è adatto al trucco resistente all’acqua; il terzo è un tipo di struccante composto da due liquidi, di cui uno oleoso, che vanno scossi per essere utilizzati e rimuovono molto bene il trucco resistente all’acqua, forse in maniera meno aggressiva degli altri due tipi di struccante.

Come struccante classico ho usato il Super démaquillant yeux di Sephora e onestamente si può dire che per un trucco classico, fa il suo lavoro senza infamia né gloria. Non posso dire che bruci, però ecco quando mi sono distratta e mi è finito un po’ nell’occhio, mi ha dato parecchio fastidio. Il prezzo non lo ricordo ma è abbordabile. La profumazione, non è fastidiosa ma nemmeno sto granché.
Come struccante classico waterproof non ho nulla da suggerire perché fino a quest’estate non ho mai usato mascara resistenti all’acqua. Anzi, bugia! Ho comprato il mascara Aqua Smoky Lash di MakeUpForEver c’era proprio il campioncino di struccante per waterproof. Ma, come potete intuire, non l’ho ancora provato e mene sono totalmente dimenticata. Vi farò sapere!
Come struccante bifasico ho avuto la fortuna di ricevere due mini-taglie in omaggio: Super démaquillant yeux waterproof di Sephora e Take the day off (etc.etc.etciù!) di Clinique.
Di nessuno dei due conosco il prezzo, sicuro quello di Sephora è più abbordabile e costa poco più del suo corrispettivo normale, ma vi posso dire che secondo me, tra i due il più oleoso è quello di Sephora. Per carità, il suo sporco lavoro (nel vero senso della parola) lo fa e anche bene: il trucco waterproof vien via bene, la profumazione non la ricordo (altro che molto accurate, Fra, sono approssimativissime e senza inci: l’elenco degli ingredienti, di cui non capisco un piffero, non fa per me…) ma presumo sia un po’ più delicata dello struccante normale di Sephora. I tappi di entrambi gli struccanti Sephora sono classici, col riduttore di plastica.
Il bifasico di Clinique è di qualità superiore, evidentemente. La profumazione è poco intensa, non è neutra ma nemmeno fiorita. Il prodotto di suo è un po’ oleoso, ma perché così dev’essere ma lo è meno di quello di Sephora. Secondo me è migliore anche per delicatezza e velocità di strucco. L’unica pecca è il tappo: è vero che ha il tappo con la sicurezza per i bambini, per cui devi premerlo per poterlo svitare, ma poi il collo della bottiglietta è libero, non ha un riduttore. E questo è fastidioso perché l’unica volta che ho urtato uno struccante, è stato proprio con questo bifasico di Clinique, svuotandolo sul ripiano. Io spero che la bottiglia normale abbia il riduttore, perché così è davvero terribile.
Riassumendo, tra i tre prodotti struccanti (normale e bifasici) secondo me il migliore è quello della Clinique. C’è poco da discutere, la qualità si sente. Se vogliamo restare tra gli altri due prodotti di Sephora, in relazione ciascuno alla propria funzione, secondo me funziona meglio il bifasico waterproof anche perché è più delicato. Unica pecca è l’oleosità caratteristica di questa tipologia di prodotti.

Nella foto, per concludere, vedete anche il 2in1 latte detergente + tonico di Nivea Visage con una spugnetta gialla. Ecco, chiariamo subito una cosa: una delle caratteristiche della Nivea è il proporre prodotti grassi ed unti, oltre che di chiara provenienza petrolifera. Non per dire ma… ho ancora (più per ricordo ed affetto) un ombretto bianco ed un rossetto color argento-bronzo (il mascara devo averlo buttato o perso già lustri fa) datati o 1998 o 2001 e, se proprio volessimo dirlo, sono ancora morbidi, pigmentati e scriventi. Ovvio che non li uso più perché sono molto vecchi, però questo fa pensare. (Per i curiosi, li avevo comprati in Germania o quando ho fatto il quarto anno di liceo o quando c’ho fatto la ragazza alla pari. I prodotti di make-up di Nivea in Italia ci sono da qualche anno ma non sono nulla in confronto a ciò che c’era all’epoca in Germania)
Detto questo, una volta che ho struccato gli occhi, struccato il viso (tutto con i dischetti di ovatta), finisco il lavoro con questo benedetto latte detergente tonico munito e poi levo tutto con la spugnetta bagnata con acqua. Volevo dire, più sopra che “chiariamo subito” che io non compro più molto facilmente prodotti della Nivea, soprattutto non per il viso. Uso un suo deodorante, ma non ho trovato niente di migliore per me. Il fatto è che mamma aveva fatto scorta per mia sorella e quindi un po’ di bottiglie me le ha piazzate in mano, prima che avessi il tempo di proferir parola. Per cui, sto usando l’ultima bottiglia e poi devo capire il da farsi.

Di sicuro c’è da fare una considerazione: lo struccante da solo non basta, gli va affiancato qualche altro prodotto. Ma vale la pena di perdere un po’ più di tempo con più passate di prodotti perché poi senti e vedi la pelle pulita.

Consigli e suggerimenti vostri?