…ma le stampelle stavolta non sono bionde

e stavolta non sono bionde

e stavolta non sono bionde

Volevo raccontarvi delle mie mini-disavventure con Fastweb e qualche altra piccola amenità ma…
Invece mi tocca inserire la seconda puntata di “stampelle sloggate” raccontarvi di come, tornata a Supeimonti, la mia caviglia sinistra abbia ceduto in mezzo al paese: chiamato la mamma che, in quei giorni mi faceva fisioterapia alle caviglie, soprattutto quella destra (reduce dalla brutta, recente distorsione).
Io credo di non esser scivolata, nemmeno con la strada bagnaticcia, piuttosto è chiaro che la microfrattura al malleolo fosse già pronta: 15 anni fa, a Mari&Monti, ho preso una bruttissima storta e non mi fecero radiografie. Tralasciamo il fatto che in tanti anni lì, non ho mai sentito parlare bene del reparto di ortopedia. Anzi.
Ad ogni modo: caricando sulla gamba sinistra, vista la distorsione a destra, in più il mio dolce peso, beh, era solo questione di tempo perché si arrivasse ad una microfrattura.
Meno male che è successo mentre ero qui da mia madre, per cui ora mi aspetta una conversione di due settimane di ferie in almeno 3 settimane di malattia. Ma il lato positivo è che non sono da sola, casa è girabile con una sedia da ufficio con le rotelle, è tutto meno complicato. Per me. Meno per mia madre, che di pensieri ne ha già abbastanza.

Ora vi saluto e non ridete troppo per quest’ennesima sfiga sloggata!

Aiutiamo Demetrio a vincere il “design for Sic”?

Ragaaaaaaaaaassi, un voto sulla maglietta di Demetrio? Aprite il link, autorizzate Facebook e poi votate la sua maglietta cliccando sul cuore – è una iniziativa della fondazione dedicata a Marco Simoncelli!

Sostanzialmente, solo uno dei primi tre disegni classificati verrà scelto da Kate Fretti e Paolo Simoncelli come t-shirt 2015 della Fondazione Marco Simoncelli. Per cui è importante, anche se nel giro di un giorno l’abbiamo portato da sesto a primo (sto scrivendo il post che è martedì 8 luglio – chissà che altro succede!!), continuare a votare soprattutto perché più si avvicina la scadenza del concorso (il 20 agosto), più si scatenerà la bagarre.
Quindi, votiamo e facciamo votare: io ho già portato una dozzina di voti sicuri (quelli non noti, non lo so), dateci una mano!

E francamente, la maglietta proposta da Demetrio è la più bella tra le belle: ecco come è nata:

L'idea è stata quella di incorporare i suoi amici di mille gare nel suo simbolo principale..i capelli!!!!..e provare a dare importanza a Marco come uomo, piu che come motociclista...con pochi colori, solo il 58 in rosso, e tanto cuore!!! :))))) Grazie a tutti amici miei!!!!!! - By Demetrio

L’idea è stata quella di incorporare i suoi amici di mille gare nel suo simbolo principale..i capelli!!!!..e provare a dare importanza a Marco come uomo, piu che come motociclista…con pochi colori, solo il 58 in rosso, e tanto cuore!!! :))))) Grazie a tutti amici miei!!!!!! – By Demetrio

http://www.designforsic.com/app/image.php?id=1428047656

e la t-shirt è questa, bellissima:

T-shirt di Demetrio Delpero – design for Sic

Infine: Ci tengo perché è una cara persona che conosco da quand’ero bambina e andavo agli Scout e ha fatto tanto per il gruppo “Sei di CittàTermale se”, facendola diventare – insieme alla sua creatrice ed altri collaboratori – un’occasione di beneficenza: abbiamo adottato a distanza una bella bambina di Addis Abeba.

E-reader: Sony PRS-T3 Reader™ – Aggiornamento del Firmware

Dopo avervi fatto una testa tanta mesi fa sul mio e-reader (nel caso vogliate rileggere, qui e qui), ora vi segnalo che esiste un aggiornamento del Firmware e che lo trovate cliccando sull’immagine sotto

Aggiornamento Firmware per Sony PRS-T3

Aggiornamento Firmware per Sony PRS-T3

In realtà mi era stato segnalato, tempo fa, l’articolo (in inglese) Firmware Updates Now Available for Sony PRS-T1, T2, and T3 eBook Readers ma, provando a scaricare l’aggiornamento partendo dal link in quel post, il mio lettore risultava non compatibile. Al che mi sono lanciata sul sito di Sony Italia e infatti ho trovato quello che cercavo: pagina del mio prodotto e tab di “software e download“. Ho scaricato sul pc l’eseguibile del mio caso (Windows 7) del firmware (dicesi, in maniera sloggata, firmware un programmino creato da qualcuno ma non modificabile dall’utente finale. Un nome qualsiasi per dire “programmino di installazione”, se ho ben capito), l’ho lanciato e poi ho collegato l’e-reader perché si aggiornasse. Solo che prima ho dovuto eliminare i libri dal dispositivo stesso perché questo aggiornamento è piuttosto pesante. Non ho capito se ho sbagliato io a far qualcosa o meno. Ad ogni modo: In cosa consistono gli aggiornamenti? In questa pagina “Aggiornamento del firmware PRS-T3per utenti Windows“, dicono:

Vantaggi e miglioramenti: Se l’impostazione di Paese/Area geografica è Regno Unito, Germania e Austria, questo aggiornamento sostituirà l’icona “Reader Store” con l’icona “Kobo eBook Store” per consentire l’accesso diretto a Kobo eBook Store Disabilitazione delle seguenti funzionalità collegate a Reader Store: – Condivisione su Facebook – Sincronizzazione di segnalibri e avanzamento di lettura – Sincronizzazione di annotazioni ed evidenziazioni Rimozione della pagina “More Content” (Altri contenuti)

Aehm, io vorrei capire cosa significhi realmente per l’utente italiano, visto che non mi pare che ci riguardino direttamente. Forse il fatto di togliere uno store cui l’Italia non ha mai avuto accesso, non ci interessava. Di certo sembra che Sony, chiudendo in alcuni Paesi il suo Store, voglia allinearsi ad uno dei colossi nel mondo degli e-book e pur di non agganciarsi ad Amazon, si lanci piuttosto sul mondo Kobo (in Italia, di fatto, parliamo di Mondadori). E qui mi casca tutto il palco sulla libertà originaria di Sony. Che voglia autoeliminarsi dal mercato? D’altronde, ho notato che in giro per i maxistore di informatica (Mediaworld, Euronics, UniEuro che ora ingloberà MarcoPolo Expert, e via discorrendo), non si trovi molto in merito ai lettori Sony: come accessori, praticamente il nulla. Come dispositivi di lettura, forse più il PRS-T2 che il PRS-T3 e non ne vedo il motivo. Togliere la condivisione su Facebook: perché? Trovavo carine le citazioni pubblicate da amici, non ne ho mai fatto uso perché non avevo il wi-fi a portata, ma mi sarebbe piaciuto. Rimuovere le varie sincronizzazioni: perché?

Voglio dire: ma che bisogno c’era? Boh. Io comunque non vedo icone di questo Kobo Store, anche se sempre sul sito che citavo all’inizio nel post “Kobo Store Access Now Available From Sony Reader Devices (Updated)” riporta che il Kobo Store sarebbe accessibile anche dall’e-book reader della Sony. Francamente non ho provato ad accedere tramite il browser presente nel dispositivo ma di sicuro l’unica cosa installata resta Evernote.

Sono assolutamente contrariata.

Ma le stampelle bionde sì!

image

Se ieri la mia caviglia non rilasciava interviste né foto, le stampelle bionde (ovviamente della mia amica Bionda) avrebber un bel po’ da ridire sul fatto di essere passate da un peso piuma ad un peso massimo. Oltre a ridere come delle cretine visto che la solita tizia, alias la deficiente, è riuscita a cadere risalendo le scale di casa, tornando dalla visita dall’ortopedico. La conseguenza è stata il fare le scale da seduta.
Ad ogni modo. Il responso è: niente di rotto ma una serie di legamenti piuttosto doloranti,  per cui a riposo 7 giorni e piede in scarico.
Spero di riuscire almeno a poggiare delicatamente il piede presto, perché almeno faccio un po’ meno fatica a stampellare in giro per casa. Non dico di prendere il bus per andare al lavoro, però almeno essere meno pericolante.
La prossima volta voglio una casa con ascensore,  una sedia da ufficio con le rotelle e il gabinetto vicino alla doccia e non totalmente separato. Anzi, facciamo che lo voglio direttamente collegato col letto o col divano.

E insomma, ora vorrei capire quale maledizione sfatare: helpdesk, ferie estive o ricerca di mobili?

La mia caviglia non concede selfie

Immaginatevi la scena: una tizia cammina per strada, con le sue zeppette, e contrariata osserva un signore che sta caricando il suv per le vacanze sul posto per i disabili. Un’altra auto è parcheggiata nel posto riservato ai disabili a fianco, ovviamente senza talloncino apposito. La tizia in questione ritiene poco opportuna una signora che voglia parcheggiare ancora accanto, dove ci sono semplici righe gialle. Nel frattempo si dimentica di salire sul marciapiede,  non guarda dove mette i piedi, infila l’avallamento di un tombino, casca rovinosamente e sente un dolore lancinante alla caviglia sana, la destra.
Il tutto avviene dall’altra parte della strada dove è parcheggiata un’ambulanza dell’attiguo pronto soccorso del centro città.
Due signori si avvicinano mentre arriva lei, l’angelo inaspettato: la ex moglie del suo ex compagno.  Una persona deliziosa come poche. (Nessun sarcasmo, sia chiaro)
Mentre l’infermiera inizia ad accertarsi della situazione, la tizia inizia a sbiancare e viene chiamata la seconda infermiera ed infine l’ambulanza di fronte: la tizia non riesce ad appoggiare il piede e non si sente affatto in forma (lacrime come se piovesse).
Nel frattempo uno dei signori indica il tombino e incita una qualche denuncia al comune. La tizia in questione smentisce subito chiarendo che la colpa è soltanto sua. Il terzo infermiere conferma, vista la caduta fuori dal marciapiede.
La tizia viene quindi fatta salire sull’ambulanza e trasportata all’ospedale in cima alla città (a Mari&Monti piace vincere facile e soprattutto comodo), dove attenderà solamente 3 ore prima di poter tornare a casa con le carte “torni domattina presto per parlare con l’ortopedico”. Dai raggi, dicono, sembra che non ci sia niente di rotto ma si deve capire come stiano legamenti, tendini e quel che vive nella caviglia e dintorni.

Quella deficiente deve ringraziare però le colleghe e le amiche che a distanza si sono premurate ( e si premurano) per lei e la Bionda per averle portato le stampelle e averla portata a casa.

Tutto perché? Perché stava andando a vedere di un armadio di cui si è innamorata.
E poi pensavamo che questa estate passasse indenne…

Buona notte, domattina levataccia e di nuovo pronto soccorso.
Taaaxiii!!